Portogallo, la legge sull’eutanasia è incostituzionale

Il presidente Marcelo Rebelo aveva rimandato alla Corte Costituzionale la legge licenziata dalle Camere. I vescovi ribadiscono: “La vita umana è inviolabile”

Il Tribunale Costituzionale di Portogallo
Foto: Wikimedia Commons
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La discesa sul piano inclinato che porta verso alla civiltà della morte (copyright Giovanni Paolo II) in Portogallo è bloccata dal presidente Marcelo Rebelo de Sousa, cattolico, che ha rimandato la legge appena licenziata alla Corte Costituzionale, e dalla stessa Corte che, testo della legge alla mano, ha detto che effettivamente no, il Portogallo non può avere una legge sull’eutanasia compatibile con la costituzione, o perlomeno quella legge ha troppi buchi, troppa indeterminatezza.

Esultano i vescovi portoghesi, che si sono molto battuti contro il testo, fino a far notare che in tempo di COVID far passare una legge che permetteva alle persone di suicidarsi o farsi suicidare mentre si cercava a tutti i costi di farne sopravvivere altre era un controsenso.

Il presidente Rebelo de Sousa, che la scorsa settimana è stato da Papa Francesco e che conta nella visita del Papa per la GMG 2023, con passaggio a Fatima, aveva rinviato la legge alla Corte Costituzionale. La legge era stata approvata il 29 gennaio, con 78 voti contrari, mentre il presidente aveva chiesto il controllo preventivo della Corte Costituzionale il 18 febbraio.

Secondo il presidente, la legge utilizzava “concetti eccessivamente indeterminati nel definire requisiti di autorizzazione per depenalizzazione della morte medicalmente assistiti” e metteva in gioco “l’ambito della libertà di limitare il diritto alla vita, interpretato secondo il principio della dignità umana”.

I dubbi di costituzionalità del presidente sono stati confermati da sette giudici su 12 della Corte Costituzionale, che hanno votato contro la legge sottolineando che “le condizioni in cui è ammissibile l’anticipazione della morte medicalmente assistiti devono essere chiare, precise, prevedibili e controllabili”.

Dopo la decisione della Corte, la Conferenza Episcopale Portoghese ha diramato un comunicato che sottolineava di accogliere “con favore” la delibera, perché “ogni legalizzazione dell'eutanasia e del suicidio assistito è sempre contraria all'affermazione della dignità della persona umana e alla Costituzione della Repubblica portoghese.

Anche la Federazione Portoghese per la Vita ha accolto con favore la decisione della Corte Costituzionale e ha ricordato che è in linea con la “posizione espressa da gran parte della società, oltre a rispondere alle critiche mosse a questo documento da tutte le entità ascoltate dall'Assemblea della Repubblica ”.

Hanno preso la parola anche l'Associazione dei giuristi cattolici (AJC) e l'Associazione dei medici cattolici portoghesi (AMCP), i quali hanno riaffermato che “nessuna forma di legalizzazione dell'eutanasia e del suicidio assistito sarà conforme alla Costituzione portoghese e al rispetto della dignità della persona umana".

Le due sigle cattoliche sottolineano che la legge è incostituzionale perché “viola chiaramente il principio di inviolabilità della vita umana sancito dall'articolo 24, paragrafo 1, della Costituzione portoghese, articolo a capo dell'intero catalogo dei diritti fondamentali. Inoltre viola il principio di pari dignità per tutte le persone (derivante dagli articoli 1 e 13 della nostra Legge fondamentale) distinguendo tra vite umane degne e non degne di protezione ”.

Ti potrebbe interessare