Storico in Polonia: l'aborto per causa eugenetica proclamato anticostituzionale

Dichiarato inammissibile l'aborto per motivi eugenetici in Polonia

Sede del Tribunale Costituzionale Polacco
Foto: PD
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Storico in Polonia: nel giorno della memoria di San Giovanni Paolo II, il Tribunale Costituzionale ha dichiarato incostituzionale l'aborto per motivi eugenetici.

Oggi, dopo le 11.00, è iniziato il dibattito sull'ammissibilità dell'aborto per motivi eugenetici. Il Tribunale Costituzionale era presente in aula al completo. Il Presidente del Collegio Giudicante era il Presidente del Tribunale Costituzionale, Julia Przyłębska, mentre il Relatore era il Giudice Justyn Piskorski.

Nel 2019, un gruppo di 119 deputati ha deferito un caso al Tribunale Costituzionale per esaminare la costituzionalità della premessa eugenica. Oggi, l'intera composizione del Tribunale ha verificato se l'aborto di bambini malati viola l'attuale costituzione.

Questo atto giuridico supremo protegge la vita umana (art. 38 Cost.), il rispetto e la tutela della dignità umana (art. 30 Cost.) e tutela contro la discriminazione (art. 32 della Costituzione).

La Corte ha analizzato gli aspetti legali ed ha stabilito oggi che l'aborto, quando esista un'alta probabilità di danno grave e irreversibile al feto o di una malattia incurabile che ne minaccia la vita, è incompatibile con la costituzione della Repubblica Polacca.

Il Difensore civico dei minori Mikolaj Pawlak ha scritto su Twitter: La decisione del Tribunale Costituzionale che dichiara l'aborto eugenetico incompatibile con la legge fondamentale è la vittoria della vita sulla morte. È il ripristino della parità di diritti per ogni essere umano, compreso il nascituro.

Ti potrebbe interessare