Te Deum, il grazie del Papa ai silenziosi artigiani del bene comune di Roma

Il Papa guida i Vespri della Solennità della Madre di Dio
Foto: Daniel Ibanez/ CNA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Anche questo tempo dell’anno 2017, che Dio ci aveva donato integro e sano, noi umani l’abbiamo in tanti modi sciupato e ferito con opere di morte, con menzogne e ingiustizie. Le guerre sono il segno flagrante di questo orgoglio recidivo e assurdo.

Ma lo sono anche tutte le piccole e grandi offese alla vita, alla verità, alla fraternità, che causano molteplici forme di degrado umano, sociale e ambientale. Di tutto vogliamo e dobbiamo assumerci, davanti a Dio, ai fratelli e al creato, la nostra responsabilità”.

Papa Francesco lo ha detto nella riflessione di fine anno durante i vespri della Solennità della Madre di Dio.

Ed è a lei che il Papa si è rivolto per ricordare ai cattolici che “questa sera prevale la grazia di Gesù e il suo riflesso in Maria. E prevale perciò la gratitudine, che, come Vescovo di Roma, sento nell’animo pensando alla gente che vive con cuore aperto in questa città”.

Come è ormai tradizione prima del Canto del Te Deum il Papa saluta le autorità civili della città e alla cittadinanza intera.

Il grazie del Pontefice è andato a tutti “quelle persone che ogni giorno contribuiscono con piccoli ma preziosi gesti concreti al bene di Roma: cercano di compiere al meglio il loro dovere, si muovono nel traffico con criterio e prudenza, rispettano i luoghi pubblici e segnalano le cose che non vanno, stanno attenti alle persone anziane o in difficoltà, e così via. Questi a mille altri comportamenti esprimono concretamente l’amore per la città. Senza discorsi, senza pubblicità, ma con uno stile di educazione civica praticata nel quotidiano. E così cooperano silenziosamente al bene comune”.

Un pensiero per gli educatori: “i genitori, gli insegnanti e tutti gli educatori che, con questo medesimo stile, cercano di formare i bambini e i ragazzi al senso civico, a un’etica della responsabilità, educandoli a sentirsi parte, a prendersi cura, a interessarsi della realtà che li circonda”.

Persone che non fanno notizia ma sono “la maggior parte della gente che vive a Roma. E tra di loro non poche si trovano in condizioni di strettezze economiche; eppure non si piangono addosso, né covano risentimenti e rancori, ma si sforzano di fare ogni giorno la loro parte per migliorare un po’ le cose”.

Artigiani del bene comune che “amano la loro città non a parole ma con i fatti” ha concluso il Papa.

Al termine della celebrazione il Papa è scenso in Piazza per visitare il presepe e salutare i fedeli.  

Ti potrebbe interessare