Un beato e sei nuovi venerabili sulla via della santità

Una veduta della facciata della Basilica di San Pietro
Foto: Archivio CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un beato e sei nuovi venerabili, tra i quali un bambino e una paralitica. Sono i sette esempi di vita cristiana che procedono il loro cammino sulla strada del riconoscimento della santità, i cui decreti sono stati firmati da Papa Francesco lo scorso 6 aprile.

Primo della lista è Donizeti Tavares de Lima (1882 – 1961): sarà beato. Sacerdote, si distinse nel servizio di parroco di Vargem Grande do Soul per il suo apostolato e la difesa dei poveri, che portò i più abbienti a considerarlo comunista. Considerato il parroco di tutti, realizzò l’asilo San Vincenzo de’ Paoli per vecchi soli e abbandonati, e comprò case e terreni perché non possedeva niente. Nel 1955 fu al centro di un grande movimento di popolo per i suoi poteri taumaturgici, movimento che lui stesso stronca sul nascere. Nel 2017 è stato proclamato venerabile, ora è stato riconosciuto un miracolo attribuito alla sua intercessione che porterà alla beatificazione.

Sono riconosciute le virtù eroiche del sacerdote Carlo Cavina (1820 – 1880), fondatore della Congregazione delle Figlie di San Francesco di Sales, che sviluppò un intenso ministero pastorale a Collegiata Lugo dove, tra le altre cose, riuscì a fondare la Piccola Casa di San Giuseppe, dedicata all’insegnamento del catechismo alle ragazze in difficoltà, realizzata nonostante l’opposizione dei massoni presenti nella città.

È proclamato venerabile anche Raffaele di Sant’Elia a Pianisi, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori cappuccini (1816 – 1901), che fu noto per la particolare intensità della vita religiosa ed eucaristica, e anche per fenomeni di estasi e colloqui con la Vergine “a voce alta e di confidenza di figlio”.

Anche Damiano da Bozzano (1898 – 1997) era sacerdote professo dei Frati Cappuccini, che morì in Brasile. La notizia della morte colpì il Paese al punto che il presidente indisse tre giorni di lutto, e il Cardinale Paulo Evaristo Arns sottolineò che il padre cappuccino era uno dei più grandi missionari della storia del Brasile, perché "col rigore del suo temperamento consigliava la gente a rimanere ferma nella fede e nella buona condotta morale; fu un simbolo del cristianesimo nella regione del Nordeste ed è un insegnamento saldo, altamente positivo per tutta la chiesa, che ha pochi missionari di tale statura". 

Nymphas Arnaud de Pages, lasalliano (1885 – 1966), fu missionario, elesse Cuba a sua patria di adozione (“Sono un cubano nato in Francia”, diceva di sé), e lì fondò l’Associazione La Salle nel 1919, la Federazione della Gioventù Cattolica Cubana, maschile e femminile nel 1928, il Focolare Cattolico Universitario nel 1946 e il Movimento Familiare Cattolico nel 1953.

Maria Consolata Bertone (al secolo Pierina Lorenzina Giovanna) (1903 – 1946), clarissa cappuccina che sentiva la missione di “narrare al mondo l’infinita misericordia di Gesù.

Sarà un santo bambino Nelson Santana, brasiliano, nato 1955 e morto nel 1964. Ricoverato in ospedale per forti dolori al braccio che poi si rivelarono essere un osteosarcoma. Lì fece la prima comunione ed è ricordato da tutti per la sua totale comprensione del dolore in senso cristiano. Morì la vigilia di Natale 1964 e sono moltissimi a chiedere grazie al piccolo.

Gaetana Tolomeo (1936 – 1997), conosciuta come Nuccia, è stata per tutta la vita costretta a una forzata immobilità per una paralisi progressiva e deformante fin dalla nascita. Ha avuto una spiritualità ricca, i suoi messaggi sono ascetici e densi di profondità teologica. E, secondo padre Pasquale Spiteri, vicepostulatore della causa di beatificazione, la sua vita rappresenta un messaggio anche al giorno d’oggi, in cui le vite vengono scartate.

 

Ti potrebbe interessare