Vatican Coffin Project, come restaurare i sarcofagi egiziani in Vaticano

Vatican Coffin Project
Foto: Musei Vaticani
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dal 2008 i Musei Vaticano sono la guida di un progetto il Vatican Coffin Project nato al Reparto Antichità Egizie dei Musei Vaticani, diretto da Alessia Amenta, in collaborazione con il Laboratorio di Diagnostica per la Conservazione e il Restauro dei Musei Vaticani, diretto da Ulderico Santamaria, per lo studio dei sarcofagi lignei policromi del Terzo Periodo Intermedio, con l’intenzione di estendere la ricerca anche ad altri periodi.

A collaborare con i Musei ci sono il Rijksmuseum van Ouheden (Museo Nazionale delle Antichità) di Leida, il Musée du Louvre di Parigi, il Museo Egizio di Torino, il Centre de Recherche et de Restauration des Musées de France (C2RMF) di Parigi e Giovanna Prestipino, restauratrice,  Xylodata - Parigi, nella persona di Victoria Asensi Amoros, collabora per lo studio e identificazione delle specie legnose dei sarcofagi,  Kathlyn M. Cooney (UCLA, Los Angeles) collabora al progetto per lo studio del “riutilizzo” dei sarcofagi della XXI dinastia. Tra il 6 e il 9 giugno, si svolgerà nei Musei Vaticani il “Second Vatican Coffin Conference”, seconda edizione del convegno internazionale vaticano sui sarcofagi egizi.

Il primo obiettivo del VCP è lo studio della tecnica costruttiva e pittorica dei sarcofagi, il secondo obiettivo intende identificare eventuali “atelier” di produzione e ricostruire i set anonimi di sarcofagi.

Il secondo obiettivo è lo studio della paelografia della decorazione pittorica, sia relativamente ai testi geroglifici sia relativamente alle scene e figure (identificazione delle ‘mani’ dei pittori), così da ricostruire anche le modalità di ‘confezionamento’ di un sarcofago.

Il terzo obiettivo è la messa a punto di una metodologia per la conservazione e restauro dei sarcofagi policromi, che possa essere condivisa dalla comunità internazionale.

Il protocollo delle indagini scientifiche è stato elaborato del Laboratorio di Diagnostica per la Conservazione e il Restauro dei Musei Vaticani. Il protocollo è in continuo aggiornamento e condiviso da tutti i partecipanti al progetto.

Il progetto ha raggiunto una serie di traguardi importanti a livello nazionale e internazionale ed è riconosciuto come il gruppo di lavoro più importante e all’avanguardia per lo studio dei sarcofagi egizi. Molti i risultati nati dallo scambio di studiosi e studi in particolare significativi i restauri

di sarcofagi lignei policromi del Terzo Periodo Intermedio, delle collezioni dei Musei Vaticani, del Musée du Louvre di Parigi, del Rijksmuseum van Oudheden di Leida e del Museo Egizio di Torino.

Molti di questi restauri sono stati presentati in convegni internazionali.

Inoltre è stata condivisa con la comunità internazionale la sperimentazione dei materiali testati nel Laboratorio di Diagnostica dei Musei Vaticani.

Ti potrebbe interessare