Venerdì della misericordia: il Papa visita sacerdoti anziani e sofferenti

Papa Francesco e alcuni giovani preti
Foto: Daniel Ibanez, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Continuano i venerdì della misericordia di Papa Francesco. Questa volta nel pomeriggio di venerdì 17 giugno, il Pontefice si è recato a sorpresa in visita ad alcune comunità di sacerdoti a Roma. Sacerdoti anziani, sofferenti e spesso dimenticati.

Il Papa "instancabile" - come riporta una nota ufficiale del direttore della Sala Stampa Vaticana, Padre Federico Lombardi -ha scelto non solo una, ma ben due comunità di sacerdoti dove si è recato in visita, in un pomeriggio lungo e intenso, ricco di incontri, di emozioni, di gioia spirituale e di momenti di preghiera, dopo aver lasciato il Vaticano prima delle 16.

La prima - continua il comunicato - è  la comunità “Monte Tabor”, dove si trovano otto sacerdoti provenienti da diocesi differenti, sofferenti per diverse forme di disagio, accompagnati da un diacono permanente, Ermes Luparia, già colonnello dell’Aeronautica, ora specializzato in psicologia e dedito al servizio dell’accompagnamento nello spirito dei Padri Salvatoriani. Il Papa si è incontrato con i sacerdoti ospiti nella piccola cappella, ascoltandoli e pregando con loro.

La seconda comunità - fa sapere lo stesso comunicato - si chiama ufficialmente “Casa San Gaetano”, ma è più nota come “I cento preti”. Vi si trovano attualmente 21 sacerdoti anziani, alcuni dei quali molto malati, assistiti da tre suore e altro personale. Il “Direttore” della Casa, Don Antonio Antonelli, è stato parroco per molti anni e ora è anch’egli molto malato. In maggioranza si tratta di sacerdoti diocesani, ma non mancano alcuni religiosi.

"Il Papa - afferma Lombardi - con questa visita ha voluto dimostrare ad ognuno di loro il suo affetto concreto e cordialissimo, ricco di consolazione, e ha dato ancora una volta un esempio efficace di misericordia, attenzione e gratitudine a tutta la comunità di Roma e alla Chiesa. Il Giubileo consiste in misura essenziale di opere di misericordia allo stesso tempo corporali e spirituali".

“Ci saranno tanti gesti che si faranno, ma un venerdì di ogni mese farò un gesto diverso”, aveva detto Papa Francesco all’inizio di quest’anno straordinario da lui indetto. E ogni mese mantiene la sua promessa.

I protagonisti della visita a sorpresa questa volta sono dunque i sacerdoti. Negli altri venerdì dedicati alle opere della misericordia il Papa ha fatto visita a comunità di anziani, malati, emarginati, nelle periferie di Roma e non solo, fino alla visita a Lesbo lo scorso aprile, dedicata ai rifugiati e ai migranti.

Ti potrebbe interessare