Verso la beatificazione di Armida Barelli e Don Mario Ciceri, a Milano il 22 aprile

Il rito nel Duomo di Milano sarà presieduto dal cardinale Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi

Armida Barelli
Foto: Ufficio stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il rito di beatificazione di Armida Barelli e Don Mario Ciceri si svolgerà sabato 30 aprile 2022 nel Duomo di Milano e sarà presieduto dal cardinale Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, in rappresentanza di Papa Francesco. A riportarlo è il sito della Chiesa di Milano.

I prossimi mesi verso la celebrazione di aprile saranno scanditi da iniziative a vari livelli con l’obiettivo di far conoscere la figura e l’opera di Armida Barelli. Il Comitato, costituito dalle tre realtà che la prossima beata ha contribuito a fondare con la sua feconda attività di apostolato -l’Azione Cattolica Italiana (ACI), l’Università Cattolica del Sacro Cuore (UCSC) e l’Istituto secolare delle Missionarie della Regalità di Cristo (ISM)– è impegnato, insieme alla Diocesi di Milano e all’Azione Cattolica diocesana, nell’elaborazione di materiali utili alla riscoperta di una figura protagonista del suo tempo, nella prima metà del Novecento, ma che non smette di sorprendere per la sua modernità.

Dal 22 ottobre fino al 9 novembre, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (largo Gemelli 1, Aula Pio XI), è visitabile la mostra "Armida Barelli. Nulla sarebbe stato possibile senza di lei", realizzata dall’Istituto Toniolo in collaborazione con l’Ateneo. I pannelli della mostra ripropongono alcune tavole della graphic novel dedicata alla cofondatrice dell’Università Cattolica, ideata dalla giornalista Tiziana Ferrario per le pubblicazioni di Franco Cosimi Panini editore.

Presso il Collegio Marianum (via San Vittore 18, Milano) si può visitare la mostra permanente "La voce di Ida. L’impegno di Armida Barelli nelle pagine di “Squilli di Risurrezione”, realizzata dal Collegio Marianum in collaborazione con Istituto Toniolo, Alunni Università Cattolica e Università Cattolica del Sacro Cuore.

Ti potrebbe interessare