1970, Paolo VI firma il Motu Proprio Ingravescentem aetatem

Il Papa di fatto esclude dal conclave i cardinali ultraottantenni

Papa Paolo VI crea cardinale Joseph Ratzinger, futuro Benedetto XVI
Foto: pubblico dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il 20 novembre 1970 Papa Paolo VI pubblicava il Motu Proprio Ingravescentem aetatem, che sarebbe entrato in vigore il 1° gennaio successivo. Con questo documento il Papa di fatto esclude i cardinali che abbiano compiuto gli 80 anni dall'elezione del Romano Pontefice in conclave. Ma non solo...

Scrive Paolo VI: "Ci è ora sembrato che il bene superiore della Chiesa esiga di considerare il problema dell'età avanzata anche in relazione all'eminente ufficio Cardinalizio, per il quale più volte in passato abbiamo dato prova di speciale sollecitudine. Si tratta, invero, di un ufficio dai compiti particolarmente gravi e delicati, sia a motivo della singolarissima connessione che lo vincola alla Nostra suprema responsabilità a servizio di tutta la Chiesa, sia a motivo dell'alta responsabilità che rispetto alla Chiesa universale esso comporta nella vacanza della Sede Apostolica".

Il Papa dispone che "i Cardinali preposti ai Dicasteri della Curia e a tutti gli altri Organismi permanenti della Santa Sede e della Città del Vaticano, sono pregati di voler spontaneamente presentare, al compimento del settantacinquesimo anno di età, la rinuncia al loro ufficio al Sommo Pontefice, il quale giudicherà se, tutto ben considerato in ciascun caso, convenga accettarle immediatamente".

Nello stesso tempo Paolo VI decide che "con il compimento dell'ottantesimo anno di età i Cardinali cessano di essere Membri dei dicasteri della Curia Romana e degli altri Organismi; perdono il diritto di eleggere il Romano Pontefice e quindi anche il diritto di entrare in Conclave. Tuttavia, qualora accada che qualche Cardinale compia gli ottant'anni durante il Conclave, continuerà a godere, per quel Conclave, del diritto di eleggere il Romano Pontefice".

Tra le altre disposizioni, il Papa ha previsto che "qualora il Decano del Sacro Collegio non prendesse parte al conclave per avere compiuto l'ottantesimo anno di età, le sue funzioni in Conclave saranno esercitate dal Sottodecano, o, se anch'egli è assente, da un altro Cardinale secondo l'ordine generale delle precedenze". Circostanze simili si sono verificate nei conclavi del 1978 e del 2005, quando i Decani Confalonieri e Sodano erano entrambi ultraottanenni.

Ti potrebbe interessare