A Monreale l'ecumenismo si vive sotto lo sguardo del Pantocrator

Un cerimonia nel duomo di Monreale
Foto: Diocesi di Monreale
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Sarà lo splendore dell’arte del Duomo di Monreale, arte che racconta la cristianità ancora unita, ad accogliere il  21 e 22 gennaio, una commemorazione dei 500 anni della riforma luterana. Due giornate, inserite nella settimana di preghiera per l’Unità dei Cristiani, che si svolge tradizionalmente dal 18 al 25 Gennaio: “L’amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione”.

Il 21 gennaio alle ore 17.00 al Duomo verrà celebrata la Liturgia Ecumenica della Parola secondo il formulario approvato dalla Commissione mista Cattolico-Luterana. Successivamente, alle ore 18.30, presso la Chiesa Capitolare Teutonica del Sacro Cuore, Sua Ecc. Mons. Antonino Raspanti famOT, Vescovo di Acireale, terrà una riflessione su “Luteranesimo e Cattolicesimo: Convergenze e divergenze ecclesiologiche e sacramentali”.

Il 22 gennaio alle ore 16.00, presso quest’ultima chiesa sede dell’Accademia Teutonica, che patrocinia l’evento accademico, dopo i saluti dei rappresentanti delle Chiese presenti, seguiranno le relazioni degli Accademici: Revd. Dr theol. Dag Sandahl, Decano Emerito di Kalmar, Membro del Consiglio Esecutivo della Chiesa Luterana di Svezia; Revd. Roald Nikolai Flemestad, Vescovo della Nordic Catholic Church (Chiesa vetero cattolica di Norvegia); Dom Notker Wolf, Abate Primate Emerito dei Benedettini ; Revd. doc. PhDr. Miloš Klátik, General Bishop of Evangelical Church of the Augsburg Confession (Chiesa Luterana) in Slovakia (ECAC).

È la prima volta che cattolici e luterani commemorano insieme Lutero e la Riforma – dall'anno in cui Martin Lutero presentò le sue 95 tesi affiggendole sul portale delle chiesa del castello di Wittenberg – riconoscendo come: “Cinquant’anni di costante e fruttuoso dialogo ecumenico tra cattolici e luterani ci hanno aiutato a superare molte differenze e hanno approfondito la comprensione e la fiducia tra di noi”. (Dichiarazione congiunta Lund 31/10/2016).

Con la dichiarazione congiunta di Lund, sottoscritta da Papa Francesco e il Vescovo Munib Yunan, Presidente della Lutheran World Federation, dopo 500 anni cattolici e luterani ritrovano la concordia su una visione congiunta del passato e sulle prospettive per il futuro.

La Commenda dell'Ordine Teutonico di Sicilia, in linea con le indicazioni del Sommo Pontefice, si è fatta promotrice di questo incontro di preghiera e di riflessione sulle ragioni storiche e teologiche della Riforma e sulle prospettive di un possibile recupero della piena comunione con i fratelli luterani.

 

Il 21 gennaio alle ore 17.00 al Duomo verrà celebrata la Liturgia Ecumenica della Parola secondo il formulario approvato dalla Commissione mista Cattolico-Luterana. Successivamente, alle ore 18.30, presso la Chiesa Capitolare Teutonica del Sacro Cuore, Sua Ecc. Mons. Antonino Raspanti famOT, Vescovo di Acireale, terrà una riflessione su “Luteranesimo e Cattolicesimo: Convergenze e divergenze ecclesiologiche e sacramentali”.

Il 22 gennaio alle ore 16.00, presso quest’ultima chiesa sede dell’Accademia Teutonica, che patrocinia l’evento accademico, dopo i saluti dei rappresentanti delle Chiese presenti, seguiranno le relazioni degli Accademici: Revd. Dr theol. Dag Sandahl, Decano Emerito di Kalmar, Membro del Consiglio Esecutivo della Chiesa Luterana di Svezia; Revd. Roald Nikolai Flemestad, Vescovo della Nordic Catholic Church (Chiesa vetero cattolica di Norvegia); Dom Notker Wolf, Abate Primate Emerito dei Benedettini ; Revd. doc. PhDr. Miloš Klátik, General Bishop of Evangelical Church of the Augsburg Confession (Chiesa Luterana) in Slovakia (ECAC).

È la prima volta che cattolici e luterani commemorano insieme Lutero e la Riforma – dall'anno in cui Martin Lutero presentò le sue 95 tesi affiggendole sul portale delle chiesa del castello di Wittenberg – riconoscendo come: “Cinquant’anni di costante e fruttuoso dialogo ecumenico tra cattolici e luterani ci hanno aiutato a superare molte differenze e hanno approfondito la comprensione e la fiducia tra di noi”. (Dichiarazione congiunta Lund 31/10/2016).

Con la dichiarazione congiunta di Lund, sottoscritta da Papa Francesco e il Vescovo Munib Yunan, Presidente della Lutheran World Federation, dopo 500 anni cattolici e luterani ritrovano la concordia su una visione congiunta del passato e sulle prospettive per il futuro.

La Commenda dell'Ordine Teutonico di Sicilia, in linea con le indicazioni del Sommo Pontefice, si è fatta promotrice di questo incontro di preghiera e di riflessione sulle ragioni storiche e teologiche della Riforma e sulle prospettive di un possibile recupero della piena comunione con i fratelli luterani.

 

Ti potrebbe interessare