Bätzing chiede che la Chiesa cattolica cambi insegnamento su sessualità e omosessuali

Il presidente dei vescovi tedeschi torna sui soliti temi, ma lo smentiscono i teologi come Martin Brüske

Georg Bätzing, presidente dei Vescovi tedeschi
Foto: Diocesi di Friburgo
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il presidente della Conferenza episcopale tedesca ha chiesto cambiamenti radicali all'insegnamento della Chiesa sul sesso al di fuori del matrimonio e sull'omosessualità. In un'intervista alla rivista tedesca "Bunte" pubblicata il 4 marzo, il vescovo Georg Bätzing di Limburgo ha concordato con l'affermazione del giornalista secondo cui "nessuno" ha aderito all'insegnamento della Chiesa secondo cui la sessualità dovrebbe essere praticata solo all'interno del matrimonio, dicendo "È vero. E noi cambiare in qualche modo il Catechismo su questo argomento. La sessualità è un dono di Dio. E non un peccato”.

 Alla domanda se le relazioni omosessuali fossero ammesse, il prelato tedesco ha risposto: "Sì, va bene se è fatto con fedeltà e responsabilità. Non intacca il rapporto con Dio". Il vescovo Georg Bätzing ha aggiunto, secondo CNA Deutsch,: "Come qualcuno vive la propria intimità personale non sono affari miei". Nessuno dei dipendenti della Chiesa dovrebbe temere di perdere il lavoro per questo, ha detto.

 Il teologo tedesco Martin Brüske ha criticato duramente le affermazioni di Bätzing in un'intervista a CNA Deutsch, dicendo: "L'argomento del vescovo Georg Bätzing qui è complicato. Sta insinuando che il Catechismo e quindi la tradizione della Chiesa stanno in qualche modo dicendo che la sessualità è peccato. Quello che vorrei vorrei sapere da lui è questo: dove trova una tale affermazione nel Catechismo o nella tradizione della Chiesa?"

 Infatti, aggiunge il teologo, la Chiesa aveva sempre respinto tale opinione come erronea. "Contrapponendo questa falsa affermazione con la sua seconda affermazione - che la sessualità è senza restrizioni un dono di Dio, l'intera area è sottratta alla riflessione etica. Secondo questa logica, non c'è più bisogno di chiarire o distinguere come si pratica la sessualità Non c'è più alcuna distinzione su quale comportamento sessuale sia egoistico o esprima appropriazione reciproca".

 Martin Brüske ha sottolineato che l'insegnamento morale della Chiesa aveva ordinato la sessualità all'amore coniugale di un uomo e di una donna. Il Catechismo afferma: «Di conseguenza, la sessualità, nella quale l'uomo e la donna si donano l'uno all'altra attraverso gli atti propri e riservati agli sposi, non è affatto qualcosa di puramente biologico, ma riguarda il nucleo più intimo della persona umana in quanto tale». In esso si "renderebbero l'un l'altro ricchi di gioia e gratitudine".

Abbandonando il matrimonio sacramentale come luogo esclusivo della sessualità tra uomo e donna, verrebbe abbandonato anche l'orientamento al Vangelo, ha detto Brüske, e sostituito da un orientamento alla cultura contemporanea. "Gli abissi della cultura contemporanea sono completamente trascurati, in particolare quella che chiamerei la sua attuale sociologia del desiderio, in cui le persone sono spesso violate nell'area della loro sessualità".

 Invece il teologo eticista, che insegna in Svizzera, dice che il cristianesimo primitivo, nel suo orientamento verso Gesù, costituiva una cultura radicale di contrasto rispetto alla cultura del tempo. “Proprio per questo, era attraente e aiutava le persone ferite a trovare la guarigione”.

 Il vescovo Bätzing apparentemente non lo vede, ha detto Brüske a CNA Deutsch. "Ovviamente è cieco sia alle origini che al nostro presente. Questo mi lascia triste e perplesso. E anche un po' arrabbiato. Perché una tale ingenuità in realtà non è consentita".

 Nell'intervista a "Bunte", il vescovo Georg Bätzing si è anche espresso a favore dell'abolizione del celibato sacerdotale e dell'ordinazione delle donne.

Piuttosto che svolgere il ruolo di moderatore, "il presidente della Conferenza episcopale tedesca si identifica senza riserve con richieste di una revisione totale della morale sessuale della Chiesa, l'abolizione del celibato, l'ordinazione delle donne", ha affermato Brüske, aggiungendo in vista della controversa "Cammino sinodale" in Germania, che è molto problematico per il presidente portare avanti un tale programma.

Ti potrebbe interessare