Benedetto XV, quando parlò della guerra come "inutile strage"

Nella lettera ai capi dei popoli belligeranti del 1° agosto 1917 Benedetto XV propose anche una via d'uscita - inascoltata - alla Prima Guerra Mondiale

Papa Benedetto XV
Foto: pubblico dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

E’ il 1° agosto 1917, terzo anno di guerra, quando Benedetto XV invia forse la sua missiva più famosa: la lettera ai capi dei popoli belligeranti in cui il Pontefice definisce la Prima Guerra Mondiale una “inutile strage”.

Il Papa ricorda come l’opera della Chiesa Cattolica e della Sede Apostolica sia sempre stata fedele “al proposito di assoluta imparzialità e di beneficenza. Sul tramontare del primo anno di guerra Noi indicammo anche la via da seguire per giungere ad una pace stabile e dignitosa per tutti. Purtroppo, l'appello Nostro non fu ascoltato: la guerra proseguì accanita per altri due anni con tutti i suoi orrori: si inasprì e si estese anzi per terra, per mare, e perfino nell'aria; donde sulle città inermi, sui quieti villaggi, sui loro abitatori innocenti scesero la desolazione e la morte. Ed ora nessuno può immaginare quanto si moltiplicherebbero e quanto si aggraverebbero i comuni mali, se altri mesi ancora, o peggio se altri anni si aggiungessero al triennio sanguinoso. Il mondo civile dovrà dunque ridursi a un campo di morte? E l'Europa, così gloriosa e fiorente, correrà, quasi travolta da una follia universale, all'abisso, incontro ad un vero e proprio suicidio?”.

Benedetto XV propone “proposte più concrete e pratiche” invitando “i Governi dei popoli belligeranti ad accordarsi sopra i seguenti punti, che sembrano dover essere i capisaldi di una pace giusta e duratura, lasciando ai medesimi Governanti di precisarli e completarli”. Nello specifico il Papa propone “la forza morale del diritto”, una “diminuzione simultanea e reciproca degli armamenti secondo norme e garanzie da stabilire, nella misura necessaria e sufficiente al mantenimento dell'ordine pubblico nei singoli Stati; e, in sostituzione delle armi, l'istituto dell'arbitrato con la sua alta funzione pacificatrice, secondo e norme da concertare e la sanzione da convenire contro lo Stato che ricusasse o di sottoporre le questioni internazionali all'arbitro o di accettarne la decisione”.

Quanto ai danni e spese di guerra, non scorgiamo altro scampo – sottolinea - che nella norma generale di una intera e reciproca condonazione, giustificata del resto dai beneficai immensi del disarmo; tanto più che non si comprenderebbe la continuazione di tanta carneficina unicamente per ragioni di ordine economico. Che se in qualche caso vi si oppongano ragioni particolari, queste si ponderino con giustizia ed equità”.

Il Papa – in conclusione - si dice animato “dalla cara e soave speranza di vederle accettate e di giungere così quanto prima alla cessazione di questa lotta tremenda, la quale, ogni giorno più, apparisce inutile strage. Tutti riconoscono, d'altra parte, che è salvo, nell'uno e nell'altro campo, l'onore delle armi; ascoltate dunque la Nostra preghiera, accogliete l'invito paterno che vi rivolgiamo in nome del Redentore divino, Principe della pace. Riflettete alla vostra gravissima responsabilità dinanzi a Dio e dinanzi agli uomini; dalle vostre risoluzioni dipendono la quiete e la gioia di innumerevoli famiglie, la vita di migliaia di giovani, la felicità stessa dei popoli, che Voi avete l'assoluto dovere di procurare”. 

Ti potrebbe interessare