Cirillo e Metodio, patroni dell' Europa unita nel cristianesimo

I santi Cirillo e Metodio Cappella del Centrum Aletti
Foto: www.centroaletti.com
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Fin dal IX secolo, quando nell'Europa cristiana si stava delineando un nuovo assetto, i santi Cirillo e Metodio ci propongono un messaggio che si rivela attualissimo per la nostra epoca, la quale, proprio in ragione dei tanti e complessi problemi di ordine religioso e culturale, civile e internazionale, cerca una vitale unità nella reale comunione di varie componenti. Dei due evangelizzatori si può dire che caratteristico fu il loro amore alla comunione della Chiesa universale sia in Oriente che in Occidente e, in essa, alla Chiesa particolare che stava nascendo nelle nazioni slave. Da essi anche per i cristiani e gli uomini del nostro tempo deriva l'invito a costruire insieme la comunione”.

Così San Giovanni Paolo II nella Slavorum Apostoli parlava di comunione tra Oriente e Occidente. Era il 1985, tre anni dopo si sarebbe celebrato il millennio del battesimo della Rus’ di Kiev,  nella odierna Ucraina, ma già molti popoli slavi avevano già celebrato il loro battesimo, come i bulgari e i polacchi, i boemi: “la missione cirillo-metodiana si affermò e sviluppò meravigliosamente in Bulgaria. Qui, grazie a san Clemente da Ocrida, sorsero dinamici centri di vita monastica, e qui trovò sviluppo particolare l'alfabeto cirillico. Da qui pure il cristianesimo passò in altri territori, fino a raggiungere, attraverso la vicina Romania, l'antica Rus' di Kiev ed estendersi quindi da Mosca verso Oriente”.

Giovanni Paolo II volle che i due fratelli greci missionari divenissero patroni dell’ Europa, unita nel cristianesimo.

“La loro opera- si legge nella enciclica- costituisce un contributo eminente per il formarsi delle comuni radici cristiane dell'Europa, quelle radici che per la loro solidità e vitalità configurano uno dei più solidi punti di riferimento, da cui non può prescindere ogni serio tentativo di ricomporre in modo nuovo ed attuale l'unità del continente.

Dopo undici secoli di cristianesimo tra gli Slavi, vediamo chiaro che il retaggio dei Fratelli di Salonicco è e resta per loro più profondo e più forte di qualunque divisione. Entrambe le tradizioni cristiane- l'orientale che deriva da Costantinopoli e l'occidentale che deriva da Roma - sono sorte nel seno dell'unica Chiesa, anche se sulla trama di diverse culture e di un diverso approccio verso gli stessi problemi. Una tale diversità, quando ne sia ben compresa l'origine e siano ben considerati il suo valore e il suo significato, può soltanto arricchire sia la cultura dell'Europa, sia la sua tradizione religiosa, e diventare, altresì, una base adeguata per il suo auspicato rinnovamento spirituale”.

E Giovanni Paolo II ricordava quanto la loro opera, il loro lavoro di “inculturazione” del Vangelo per i popoli slavi che avevano appena ricevuto il battesimo, fosse di fatto quello che poi avrebbe ricordato il Concilio vaticano II per il rispetto delle diverse culture nella cattolicità. “La dimensione concreta della cattolicità,- si legge nella Slavorum Apostoli-  inscritta da Cristo Signore nella costituzione stessa della Chiesa, non è qualcosa di statico, astorico e piattamente uniforme, ma sorge e si sviluppa, in un certo senso, quotidianamente come una novità dall'unanime fede di tutti coloro che credono nel Dio uno e trino, rivelato da Gesù Cristo e predicato dalla Chiesa con la forza dello Spirito Santo. Questa dimensione scaturisce del tutto spontaneamente dal reciproco rispetto - proprio della carità fraterna per ogni uomo e ogni Nazione, grande o piccola, e dal riconoscimento leale degli attributi e dei diritti dei fratelli nella fede”.

 

 

Ti potrebbe interessare