Coronavirus: anche un cardinale in isolamento

Il Cardinale Jean-Claude Hollerich, uno dei nuovi cardinali creati da Papa Francesco nell'ottobre scorso, è in quarantena

'incontro tra Papa Francesco, il Cardinale Hollerich e il pastore Krieger, Palazzo Apostolico Vaticano, 30 gennaio 2020
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il Cardinale Jean-Claude Hollerich, uno dei nuovi cardinali creati da Papa Francesco nell'ottobre scorso, è in quarantena dopo che un dipendente dell'Arcidiocesi di Lussemburgo, è risultato positivo al test del coronavirus, la pandemia che sta mettendo in ginocchio l'Europa e altri paesi nel mondo. In un'intervista telefonica all'agenzia tedesca Konradsblatt, parla della chiesa e delle comunità isolate.

Rispondendo alle domande del giornalista il Cardinale Hollerich commenta: "L'UE è ben poco visibile nella crisi; gli stati nazionali vengono da soli. Certo, lo stato nazionale ha il dovere di proteggere i suoi cittadini. Ma un maggiore coordinamento, coesione e comunità sarebbe molto buono. Mi ha fatto piacere vedere che la Cina sta inviando indumenti protettivi e maschere in Italia - e mi manca vedere tale solidarietà a livello europeo. Nella sventura ci focalizziamo tutti su noi se stessi. Guardiamo il nostro paese e dimentichiamo di condividere con gli altri nell'UE".

Il Cardinale Hollerich sottolinea l'importanza di tenere le chiese aperte in questa situazione: "È importante per le persone che possano pregare e che ci siano ancora posti di sostegno, conforto e speranza. Sono felice di sentire le campane della cattedrale. Per me questo è un segno di normalità e vita. Mostra che Cristo è ancora in mezzo a noi e possiamo rivolgerci a Lui".

Il nuovo cardinale racconta come trascorre il tempo in questa quarentena: "Ho tempo di ascoltare musica e leggere molto, tempo di pensare. Il vescovo certamente prende tempo per pregare ogni giorno; ma a volte ho l'impressione che non sia abbastanza e che uno sia troppo occupato per pensare a questioni fondamentali di fede e società. Questa volta mi è stato dato questo tempo- e vorrei usarlo anche io".

In Italia a causa del coronavirus sei sacerdoti sono morti e 20 ricoverati e positivi al virus. E’ il bilancio, finora, che si registra, nel clero, solo nella diocesi di Bergamo, la provincia italiana con il maggior numeri di contagi da coronavirus.

 

Ti potrebbe interessare