Da Stoccolma all'Egitto, il Papa chiede la conversione dei cuori

La croce della GMG
Foto: CTV
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Alla Vergine Santa affidiamo le vittime dell’attentato terroristico avvenuto venerdì scorso a Stoccolma, come anche quanti sono ancora duramente provati dalla guerra, sciagura dell’umanità.

E anche l’attentato compiuto oggi al Cairo al mio caro fratello sua santità papa Tawadros II alla Chiesa copta e alla cara nazione, il Signore converta i cuore delle persone che semina terrore violenza e morte e anche quelli che” fanno e trafficano le armi”.

Questa la preghiera del Papa al termine della messa della domenica delle Palme in Piazza San Pietro, inizio della Settimana Santa.

Poco prima il Papa ha ringraziato coloro che hanno partecipato all’Incontro internazionale in vista dell’assemblea sinodale sui giovani, promosso dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita in collaborazione con la Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi: “un’altra tappa del grande pellegrinaggio, iniziato da san Giovanni Paolo II, che l’anno scorso ci ha radunati a Cracovia e che ci convoca a Panamá per il gennaio 2019” ed ha aggiunto: “ Chiediamo al Signore che la Croce, unita all’icona di Maria Salus Populi Romani, là dove passerà faccia crescere la fede e la speranza, rivelando l’amore invincibile di Cristo”.

In Piazza la Croce delle GMG prese in carico dai ragazzi di Panama che ieri sera erano presenti alla Veglia in Santa Maria Maggiore. Poi il Papa ha guidato la recita dell' Angelus.

Ti potrebbe interessare