Elemosineria Apostolica: accolte altre tre famiglie in Vaticano

Il Papa a Lesbo
Foto: L'Osservatore Romano, ACI group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un comunicato dell’Elemosineria Apostolica fa sapere che “negli ultimi mesi le prime famiglie accolte ed ospitate nei tre appartamenti del Vaticano, dopo essere state aiutate a trovare i mezzi per essere indipendenti, hanno lasciato gli appartamenti ad altri tre nuclei familiari: due famiglie di religione cristiana ed una di religione musulmana, per un totale di tredici persone”.

L’Elemosineria riferisce alcune informazioni sulle famiglie che verranno accolte: due delle famiglie ospitate, che in Siria hanno subito rapimenti e altre discriminazioni a causa della religione cristiana, sono arrivate nel mese di marzo in Italia: il primo nucleo è composto da una mamma con due figli adolescenti, una nonna, una zia e un’altra donna siriana che vive con loro; la seconda famiglia è una giovane coppia, alla quale è nata due settimane fa la prima figlia, di nome Stella, proprio nell’appartamento che li ospita. La mamma è stata rapita per diversi mesi dall’Isis ed ora, in Italia, ha ritrovato la serenità.

La terza famiglia ospitata è la prima ad essere arrivata in Italia nel febbraio 2016. È composta dai due genitori con due figli: la prima figlia è malata, ma ora è avviata verso un felice percorso di integrazione. I bambini frequentano regolarmente le scuole elementari, la mamma è iscritta al Corso di Laurea per Mediatori Interculturali e, pochi giorni fa, ha iniziato un tirocinio per l’inserimento lavorativo.

Tre sono gli appartamenti di proprietà del Vaticano che ospitano, da più di un anno, nuclei familiari di rifugiati siriani, arrivati in Italia grazie ai corridoi umanitari promossi dalla Comunità di Sant’Egidio, dalla Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e dalla Tavola Valdese.

Nello stesso comunicato si legge che “oltre a questa ospitalità, la Santa Sede sostiene economicamente anche le 21 persone giunte in Italia con Papa Francesco da Lesbo, che sono accolte in alcune case di privati e di religiosi”.

 

 

Ti potrebbe interessare