Fatima, emblema della misericordia di Dio come limite al male

Monsignor António Augusto dos Santos Marto, Vescovo di Leiria-Fatima
Foto: MM ACI Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

E' stato pubblicato pochi giorni fa il programma del viaggio che Papa Francesco effettuerà a maggio a Fatima per il centenario delle apparizioni della Madonna. La Chiesa di Fatima dopo Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI è pronta ad accogliere anche Francesco. Della visita papale e del significato di Fatima oggi ACI Stampa ha parlato in questa intervista con Monsignor António Augusto dos Santos Marto, Vescovo di Leiria-Fatima.

Misericordia e speranza sono parole legate a Fatima perchè è una manifestazione di Dio attraverso la Madonna in un momento drammatico e tragico della storia. Il messaggio si riferisce alle due grandi guerre mondiali che accadevano come tali per la prima volta nella storia con milioni di morti innocenti, allora è una manifestazione di Dio attraverso la Madonna Madre della Chiesa si china sulla umanità così ferita e divisa e offre la sua misericordia come forza limite al potere devastante del male ma Dio - attraverso la Madonna - viene a cercare collaboratori della sua misericordia per realizzare questo disegno e dunque richiede la conversione del cuore ma anche la riparazione. Riparare quello che è stato distrutto sia a livello del cuore dell'uomo nel rapporto con Dio sia nel rapporto tra le persone sia nel rapporto tra i popoli e allora è un cammino per costruire la pace.

E' un cammino concreto...

Sì, impegnativo per le persone. Non possiamo rimanere neutrali davanti al male o far finata di non vederlo. Tutti siamo corresponsabili ma non solo nel male, ma anche nel bene e abbiamo la speranza che c'è possibilità di redenzione per questo mondo.

Sono passati 100 anni dalle apparizioni. Cosa è cambiato in questo secolo?

Papa Giovanni Paolo II ha scritto una pagina veramente memorabile al Vescovo di Fatima del 1997 e lì ci fa vedere il rapporto tra il messaggio di Fatima e gli avvenimenti del XX Secolo, sia riguardo alla fine delle guerre, sia riguardo alla liberazione dei popoli oppressi , sia riguardo alla Chiesa sofferente e perseguitata e che ha sofferto anche con il conforto della Madonna, sia riguardo alla crisi della Chiesa. La richiesta di penitenza che la Madonna ci fa non è soltanto per l'umanità ma è anche per la Chiesa e questo Papa Benedetto XVI lo ha applicato alla Chiesa quando si è recato a Fatima.

Come si prepara la Chiesa di Fatima alla visita di Papa Francesco?

Papa Francesco viene come un pellegrino tra i pellegrini. Non è una visita di stato ma un pellegrinaggio per pregare con i pellegrini, per la Chiesa, per la riforma che ha avviato, per il rinnovamento spirituale, per la pace nel mondo che come lui dice sta vivendo una terza guerra mondiale a pezzi. Questi motivi sono sufficienti per accogliere il Papa e per pregare con lui.

Ti potrebbe interessare