Giornata della Memoria, il Papa: "Ricordare è un'espressione di umanità"

"Ricordare è anche stare attenti perchè queste cose possono succedere un'altra volta".

Papa Francesco
Foto: Vatican Media / ACI group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Ricordare è un espressione di umanità, ricordare è segno di civiltà, ricordare è condizione per un futuro migliore di pace a di fraternità ,ricordare è anche stare attenti perchè queste cose possono succedere un'altra volta". Francesco ricorda così la Giornata della Memoria. la giornata per commemorare le vittime dell'Olocausto.

"Oggi, anniversario della liberazione dal campo sterminio di Auschwitz, si celebra la Giornata della Memoria. Commemoriamo le vittime della Shoah e tutte le persone perseguitate e deportate dal regime nazista", dice il Papa durante i saluti in lingua italiana nell'Udienza Generale.

" Ricordare è segno di civiltà, ricordare è condizione per un futuro migliore di pace e fraternità. Ricordare è anche stare attenti perchè queste cose possono succedere un'altra volta, incominciando da proposte ideologiche che vogliono salvare un popolo e finiscono distruggendo un popolo e l'umanità. State attenti a come è incominciata questa strada di morte, di sterminio, di brutalità", questo l'appello forte del Papa.

Sono davvero tante le iniziative in tutta Italia e nel mondo per non dimenticare questa giornata e questo immenso dolore per il popolo ebreo.

 

Ti potrebbe interessare