Hong Kong, aumenta la preoccupazione per la libertà dei cattolici

Un rappresentante della Santa Sede avrebbe avvertito della possibile crescente persecuzione contro i cattolici a Hong Kong

Cattolici cinesi in piazza San Pietro
Foto: Archivio CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nel quadro del possibile rinnovo dell'accordo tra Vaticano e Cina per la nomina dei vescovi, i cui termini al momento restanto ancora riservati, un rappresentante della Santa Sede avrebbe avvertito della possibile crescente persecuzione contro i cattolici a Hong Kong.

L'agenzia Reuters ha riferito il 5 luglio scorso che Monsignor Javier Herrera Corona, ex capo della missione della Santa Sede a Hong Kong, avrebbe avvertito che il governo comunista cinese ha messo fine alle libertà di cui la Chiesa godeva per decenni sull'isola.

Lo ha indicato l'agenzia che riporta le informazioni fornite da quattro persone a conoscenza di una serie di incontri privati ​​tenuti dall'ottobre 2021 dall'ormai Nunzio apostolico in Congo e Gabon con i rappresentanti di 50 missioni cattoliche presenti a Hong Kong.

Queste persone hanno anche affermato che l'arcivescovo messicano negli incontri ha avvertito che i missionari di Hong Kong devono prepararsi per un futuro più difficile e li ha esortati a proteggere le loro proprietà, fondi e archivi.

A fine maggio 2020 il governo comunista cinese ha approvato una legge sulla sicurezza nazionale, secondo la quale può considerare "sovversiva" qualsiasi ingerenza straniera che ritiene impropria, argomento che potrebbe essere utilizzato contro i cattolici di Hong Kong.

Una delle vittime della legge sulla sicurezza, varata dal governo in risposta alle manifestazioni pro-democrazia di Hong Kong nel 2019, è stato il cardinale 90enne Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong.

Nel maggio di quest'anno, il cardinale Charles Bo, arcivescovo di Yangon (Myanmar) e presidente della Federazione asiatica delle conferenze episcopali, ha denunciato le gravi minacce alla libertà a Hong Kong, a seguito dell'arresto del cardinale Zen lo scorso 11 maggio .

Il cardinale Zen è stato rilasciato su cauzione sotto pressione internazionale e dopo che il Vaticano ha espresso preoccupazione per il suo arresto .

Ti potrebbe interessare