I Vescovi sardi affidano nuovamente l'Isola alla Madonna di Bonaria

Martedì 2 giugno Messa solenne nella Basilica del capoluogo isolano

La Madonna di Bonaria
Foto: Santuario Nostra Signora di Bonaria
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Anche la Sardegna, sebbene con numeri ridotti ma pur sempre devastanti, ha pagato il suo prezzo di contagi e di vite umane e continuerà a pagare a caro prezzo le conseguenze devastanti sull’economia e sul versante della produzione e del lavoro. Aspetti, che i Vescovi affrontano con particolare attenzione e preoccupazione insieme alle proprie comunità”. Lo scrivono i Vescovi della Sardegna, al termine dei lavori della riunione della Conferenza Episcopale regionale.

“In questo tempo di chiusura e di restrizioni delle attività - sottolineano - ha avuto per contro uno straordinario slancio l’azione della Caritas in tutte le Diocesi sarde in termini di interventi e di prossimità con le fasce più povere della società. Si può dire che alla mancanza del culto si è risposto con un surplus di sostegno a persone e famiglie, grazie anche alla straordinaria generosità di enti, esercizi commerciali, produttori e singoli cittadini. E se i temi economici e delle nuove povertà hanno avuto e avranno la necessaria preminenza, non meno delicata e determinante, per i Vescovi, è la questione educativa dei fanciulli e dei ragazzi. Sarà cura della Chiesa sarda, in accordo con le Autorità competenti, predisporre appositi protocolli sanitari per far vivere in sicurezza progetti e iniziative estive rivolte ai ragazzi”.

Il prossimo 2 giugno alle ore 11 i Vescovi sardi si ritroveranno a Cagliari nella Basilica di Bonaria per concelebrare una Santa Messa per affidare alla Patrona della Sardegna l’intero popolo sardo in questo momento di grande sofferenza. La celebrazione sarà anche l’occasione per un Messaggio unitario di incoraggiamento e di fiducia che i Vescovi rivolgeranno a tutta l’Isola.

Ti potrebbe interessare