Il Cardinale Cantalamessa, terza predica di Quaresima: Eucaristia e condivisione

"Se non potete darmi l’Eucaristia, fate almeno entrare un povero nella stanza"

Predica di Quaresima
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il predicatore pontificio ha tenuto la terza meditazione del tempo di Quaresima 2022 dal tema: "Prendete, mangiate: questo è il mio corpo” - Una catechesi mistagogica sull’Eucaristia".

“Quando si va a ricevere la comunione, ha continuato Cantalamessa, si va a un incontro importante. Sarebbe triste andarvi non riconciliati con i fratelli". Così ha detto il cardinale Raniero Cantalamessa durante la terza predica di Quaresima, svoltasi, nell’Aula Paolo vi, venerdì mattina, 25 marzo, alla presenza di Papa Francesco.

Il predicatore ha riportato il racconto della sorella del filosofo Blaise Pascal: “Nella sua ultima malattia non riusciva a trattenere nulla di quello che mangiava, e per questo non gli permettevano di ricevere il viatico. Così lui disse: Se non potete darmi l’Eucaristia, fate almeno entrare un povero nella mia stanza. Se non posso comunicare con il capo, fatemi comunicare almeno con il suo corpo”.

Per il cappuccino "la preoccupazione di condividere con chi ha bisogno deve essere parte integrante della nostra vita eucaristica".

Il cuore della terza predica di Quaresima è chiaro: "Non sempre possiamo ricevere il corpo di Cristo nell’Eucaristia, mentre possiamo sempre riceverlo nei poveri. Non ci sono limiti, bisogna solo dire che lo vogliamo. Di fronte alle forme estreme di sofferenza, se stiamo attenti, sentiremo la parola di Cristo: quello è il mio corpo”, dice il Cardinale.

"Condividere non significa semplicemente dare qualcosa: pane, vestito, ospitalità; significa anche visitare qualcuno: un prigioniero, un malato, un anziano solo. Non è dare solo del proprio denaro — ha fatto notare il predicatore— ma anche del proprio tempo".

Infine Cantalamessa ha concluso raccontando una piccola storia per sintetizzare il proprio intervento: "un uomo vede una bambina denutrita, scalza e tremante di freddo e grida a Dio quasi con rabbia: “O Dio perché non fai qualcosa per quella bambina?”. Dio gli risponde: “Certo che ho fatto qualcosa per quella bambina: ho fatto te!”.

Le successive prediche di Quaresima avranno luogo venerdì 1°e venerdì 8 aprile 2022.

Ti potrebbe interessare