Il Papa: "Diventiamo strumenti e canali di misericordia"

Il Papa con i pellegrini olandesi
Foto: Daniel Ibanez CNA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Con questo pellegrinaggio "manifestate la vita e la comunione della Chiesa nei Paesi Bassi e l’unità con il Successore di Pietro". Lo ha detto il Papa salutando i fedeli olandesi giunti a Roma in occasione della "Giornata olandese" del Giubileo della Misericordia. Francesco li ha incontrati al termine della Messa celebrata presso l'Altare della Cattedra della Basilica Vaticana.

"L’Anno Santo - ha spiegato il Papa - ci fa entrare ancora di più in rapporto con Gesù Cristo, volto della misericordia del Padre. Non arriviamo mai ad esaurire questo grande mistero dell’amore di Dio! È la sorgente della nostra salvezza: tutto il mondo, tutti noi abbiamo bisogno della misericordia divina. Essa ci salva, ci dà vita, ci ricrea come veri figli e figlie di Dio".

Abbiamo un modo per sperimentare - ha ricordato il Pontefice - la bontà di Dio: il "sacramento della Penitenza e Riconciliazione. La Confessione è il luogo in cui si riceve in dono il perdono e la misericordia di Dio. Qui ha inizio la trasformazione di ciascuno di noi e la riforma della vita della Chiesa".

Francesco ha auspicato che i fedeli olandesi "ad aprire i cuori" e a lasciarsi "plasmare dalla misericordia di Dio" per diventare "strumenti della misericordia, capaci di testimoniare il suo amore nella vita di ogni giorno".

L'uomo - ha concluso - ha sete di Dio e per dissertarlo possiamo diventare "canali della misericordia", aiutando "tante persone a riscoprire Cristo, Salvatore e Redentore dell’umanità; come discepoli missionari di Gesù", irrigando "la società con l’annuncio del Vangelo e con la carità, soprattutto verso i più bisognosi e le persone abbandonate a sé stesse".

Ti potrebbe interessare