Il Papa: "Essere cristiani senza porre condizioni"

Il Papa a Santa Marta
Foto: CTV
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Bisogna essere cristiani a tutto tondo, senza porre condizioni, accettando lo stile divino della salvezza. Lo ha ribadito questa mattina Papa Francesco nel corso dell'omelia della messa quotidiana celebrata a Santa Marta.

“Anche noi fra i cristiani - ha osservato il Pontefice - ci troviamo noi un po’ avvelenati per questo scontento della vita. Sì, davvero, Dio è buono, ma cristiani sì, ma… Cristiani sì, ma… Che non finiscono di aprire il cuore alla salvezza di Dio, sempre chiedono condizioni. Sì, ma così!. Sì, io voglio essere salvato, ma per questa strada... Così il cuore diviene avvelenato”.

Ad avvelenarci - ha aggiunto - è il peccato: "Non accettare il dono di Dio col suo stile: quello è il peccato, quello è il veleno. Quello ci avvelena l’anima, ti toglie la gioia, non ti lascia andare”.

E' Gesù a risolvere la questione, grazie alla sua passione: "Lui stesso prende su di sé il veleno, il peccato e viene innalzato. Questo tepore dell’anima, questo essere cristiani a metà, cristiani sì, ma... Questo entusiasmo all’inizio nel cammino del Signore e poi diventare scontenti, soltanto si guarisce guardando la Croce, guardando Dio che assume i nostri peccati: il mio peccato è lì".

E' necessario - ha concluso il Papa - sapere "accettare i momenti difficili, lo stile divino di salvezza… accettare le vie per le quali il Signore mi porta avanti. Che questa Settimana Santa, che incomincerà domenica, ci aiuti ad uscire da questa tentazione di diventare cristiani sì, ma…”.

Ti potrebbe interessare