Il Papa: "La Chiesa cammina a fianco ai popoli dell’America Centrale”

Papa Francesco invia un messaggio ai partecipanti all’Evento di Solidarietà promosso oggi in Costa Rica in occasione del 30° anniversario del Sistema de la Integración Centroamericana

Papa Francesco
Foto: Daniel Ibanez / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco invia un messaggio ai partecipanti all’Evento di Solidarietà promosso oggi in Costa Rica in occasione del 30° anniversario del Sistema de la Integración Centroamericana. “La Santa Sede, nel riaffermare il diritto esclusivo di gestire le proprie frontiere, auspica un impegno regionale, comune, solido e coordinato, volto a porre la persona e la sua dignità al centro di ogni esercizio politico", si legge subito nel Messaggio.

La Santa Sede partecipa come osservatore extra regionale dal 2012.
Il Papa si sofferma sulle gravi condizioni sociali che affliggono la regione centroamericana, “già precarie e complesse a causa di un sistema economico ingiusto”, che, unite alla crisi climatica, “hanno dato alla mobilità umana la connotazione di un fenomeno di massa forzato, tanto da assumere l'aspetto di un esodo regionale".

Nel messaggio il Papa si augura che gli Stati pongano sempre la persona al “centro di ogni esercizio politico” con “meccanismi internazionali specifici per fornire una protezione concreta” agli sfollati interni, così come a chi è costretto a “fuggire a causa dell'inizio della grave crisi climatica”.
Il Pontefice chiede poi di prevenire il "traffico di esseri umani" che è “una piaga nel corpo dell’umanità contemporanea, un delitto contro l’umanità”. Come? Con il sostegno alle famiglie e con programmi adatti, invitando inoltre ad avere una speciale attenzione per i bambini più piccoli e per le donne, attraverso “un'educazione che promuova l'uguaglianza fondamentale, il rispetto e l'onore che le donne meritano”.

“Ogni violenza inflitta alla donna è una profanazione di Dio, nato da una donna”, si legge ancora nel Messaggio scritto da Papa Francesco.

“La Chiesa cammina a fianco dei popoli dell'America Centrale, che hanno saputo affrontare con coraggio le crisi ed essere comunità accoglienti, e li esorta a perseverare nella solidarietà con fiducia reciproca e audace speranza”, conclude il Messaggio.

Ti potrebbe interessare