In Bosnia a Goražde sulla Drina inizia la costruzione del santuario per le Beate Martiri

Le cinque suore delle Figlie della Divina Carità che hanno preferito la morte per conservare la verginità

Il progetto della chiesa
Foto: Parrocchia di san Domenico
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Sono finalmente iniziati i lavori per la chiesa dedicata alle Beati Martiri della Drina a Goražde, in Bosnia. Il Parroco Don Josip Tadić insieme alla associazione CroDiaspora e con il supporto dell’esercito guida la costruzione di questo monumento per le beate martiri della Drina.

Goražde, sul fiume Drina, nell'est della Bosnia ed Erzegovina, è simbolo di lotta sia nella seconda guerra mondiale che nella guerra per l'indipendenza negli anni '90 .

80 anni fa, è stata lo scenario di orribili crimini che sono scolpiti nella memoria della gente del posto. L'11 dicembre 1941, i cetnici circondarono l'abbazia cattolica gestita dalle suore Figlie della Divina Carità a Sarajevo. I cetnici saccheggiarono il convento, catturarono le suore e le portarono a Goražde dove furono rinchiuse nella caserma dell'esercito, che è oggi la scuola elementare Husein Efendija Đozo.

“Le Beati Martiri sono stati rinchiuse al secondo piano di questo edificio dal quale sono saltate giù nel momento in cui i cetnici volevano violentarle. Quando i cetnici ubriachi si resero conto che le suore erano saltate fuori, scesero dove giacevano i loro corpi, li pugnalarono e li spinsero sulla riva del fiume Drina. A Goražde, la gente del posto le ha sempre onorate come sante e benedette per essere sfuggite allo stupro per proteggere la loro verginità.

Il 24 settembre 2011, le suore sono state proclamate beate. Il consiglio comunale di fronte alla scuola Husein Efendija Đozo ha eretto un monumento in loro onore come ricorda Don Josip Tadić, il parroco della chiesa di San Domenico a Goražde.

“La morte dei Beati Drina martiri segna l'inizio della sofferenza vissuta dai cittadini di Goražde nella seconda guerra mondiale. Immediatamente dopo la morte delle monache, 8500 musulmani sono stati uccisi dai cetnici su uno dei ponti più importanti di Goražde”, ha aggiunto don Tadić.

Quando l'arcivescovo di Vrhbosna, il cardinale Vinko Puljić, ha nominato parroco don Tadić nel 2019, il suo decreto includeva l'obbligo di chiedere permessi e terreni per la costruzione della chiesa dei Beati Martiri di Drina. Dopo solo un anno e mezzo a Goražde, i frutti del lavoro di Don Tadić sono più che visibili.

È stato acquistato un terreno per la costruzione della chiesa, e le autorità municipali hanno fornito assistenza e rilasciato un permesso di costruzione il 15 maggio di quest'anno, e il 13 luglio abbiamo iniziato a costruire, cioè a scavare il terreno dove sorgerà la Chiesa. Abbiamo anche firmato un contratto con un imprenditore che ha promesso di coprire la chiesa e costruire un campanile in occasione della commemorazione dei Beati Martiri di Drina - racconta don Tadić, il cui desiderio è di creare le condizioni per la celebrazione della prima Santa Messa per l'80° anniversario del suo martirio.

Oltre al suo consueto incarico parrocchiale a Goražde, don Tadić ricopre anche il ruolo di cancelliere nell'ordinariato militare di Sarajevo, dove dirige l'ufficio del vescovo militare. Durante l'ultima visita del Ministro della Difesa della Bosnia ed Erzegovina, Sifet Podžić, a Goražde, il Ministro gli ha offerto aiuto per costruire la futura chiesa.

“Ho detto al ministro che se voleva aiutare a costruire la chiesa, sarebbe stato meglio se avesse collaborato ai lavori di scavo. Ha detto: "Te lo prometto, esaudirò il tuo desiderio", e mi ha chiesto: "Quando ne avrai bisogno?" Ho detto: "Domani". Certo, era impossibile, ma dopo quindici giorni gli addetti delle Forze Armate sono arrivati ​​sul campo con escavatori e camion. Tra le persone che stanno lavorando allo scavo del terreno per la futura chiesa ci sono musulmani e ortodossi, quindi tutti contribuiscono a modo loro a costruire veramente questo magnifico edificio, afferma Don Tadic.

La parrocchia conta attualmente solo una decina di fedeli che assistono regolarmente alla Santa Messa nella cappella di San Domenico, uno spazio angusto che da garage è stato trasformato in luogo sacro. La nuova chiesa non sarà grande, ma basterà a tutti coloro che verranno per avere un luogo dove pregare e rifugiarsi nell'intercessione delle benedette donne.

I fondi raccolti finora bastano appena a coprire un terzo delle spese, per lo più ridotte alle donazioni degli amici di Don Tadic e a un contributo raccolto dai croati di New York, e da Perth in Australia.

In questi giorni, l'associazione dei rimpatriati di Zagabria "CroDiaspora" ha aderito a questo progetto, che attraverso le sue connessioni della diaspora incoraggerà molti a rispondere alla chiamata del parroco e ad aiutarlo finanziariamente a completare la costruzione della chiesa.

Tutti coloro che desiderano collaborare alla costruzione della Chiesa delle Beate Martiri  Mártires possono farlo effettuando un versamento sul conto della Parrocchia di San Domenico.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare