In Centrafrica un ospedale per bambini voluto da Papa Francesco

Il Papa a Bangui, novembre 2015
Foto: Vatican News / Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

A Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, viene inaugurato un nuovo centro sanitario pediatrico, ristrutturato e ampliato per volontà di Papa Francesco.

Ad inaugurarlo sabato 2 marzo è l’Elemosiniere Pontificio, il Cardinale Konrad Krajewski. Il nuovo Centro sanitario, specializzato nella terapia per i bambini malnutriti, è affidato alla progettazione e alla cura dell'Ospedale Bambino Gesù.

Per l’occasione speciale, Papa Francesco ha inviato un videomessaggio: “Mi auguro che possa diventare un centro di eccellenza, dove i bambini possano trovare risposta e sollievo alle loro sofferenze, con tenerezza e amore”.

Papa Francesco conserva “nel cuore gli occhi di dolore dei tanti bambini malnutriti che ho incontrato nella breve visita all’ospedale” di quando era stato in Africa per l’apertura della Porta Santa nel novembre 2015.

“La sofferenza dei bambini è senza dubbio la più dura da accettare – continua il Papa nel videomessaggio - il grande Dostoevskij poneva la domanda: Perché soffrono i bambini?. Tante volte mi chiedo la stessa cosa: perché soffrono i bambini? E non trovo spiegazione. Solo guardo il Crocifisso e invoco l'amore misericordioso del Padre per tanta sofferenza”.

Il Papa conclude il videomessaggio: “Incoraggio tutti voi a svolgere la vostra opera di cura dei bambini, spinti dalla carità, pensando sempre al buon samaritano del Vangelo: siate attenti alle necessità dei vostri piccoli pazienti, chinatevi con tenerezza sulle loro fragilità, e in loro possiate vedere il Signore. Chi serve i malati con amore serve Gesù che ci apre il Regno dei cieli. Chi si prende cura dei piccoli sta dalla parte di Dio. Non dimenticate: chi si prende cura dei piccoli sta dalla parte di Dio e vince la cultura dello scarto! Possa questo nuovo Ospedale diventare modello e punto di riferimento per tutto il Paese”.

Presenti alla cerimonia di inaugurazione: il Presidente del Bambino Gesù, dott.ssa Mariella Enoc; il Nunzio Apostolico della Repubblica Centrafricana, Monsignor Santiago De Wit Guzmán; il Presidente della Repubblica Centrafricana,il Signor Faustin-Archange Touadéra, e altre autorità politiche.

"Sono particolarmente contenta – ha affermato la presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc – che l’inaugurazione del nuovo Centro di Bangui avvenga qualche giorno prima del “compleanno” del nostro ospedale che il prossimo 19 marzo festeggerà i 150 anni dalla fondazione. Le radici sono importanti perché consentono a un albero di crescere dritto e robusto e di aprire verso il futuro nuovi rami e nuove gemme. Il futuro dell’Ospedale Bambino Gesù è costituito dalla ricerca scientifica per dare un nome a malattie ancora senza diagnosi e cura e dalla condivisione della conoscenza che abbiamo raggiunto a livello clinico e scientifico. E’ quello che continueremo a fare nell’ospedale di Bangui, negli altri 9 paesi del mondo con cui abbiamo progetti di collaborazione e formazione e dovunque ci chiederanno di metterci a servizio di bambini sofferenti".

Proprio in questi giorni, L'Elemosineria Vaticana rinnova il sito internet perchè "la carità deve giungere a tutti coloro che sono nel bisogno, ovunque essi siano". Il cardinale Konrad Krajewski, ha scelto di rinnovare e aggiornare, conformandolo alle esigenze più attuali, il sito internet www.elemosineria.va 

Con la nuova procedura online si potrà scegliere il modello di pergamena a seconda delle varie occasioni, inserire un indirizzo di spedizione, anche diverso da quello del richiedente, oppure scegliere di ritirare personalmente quanto ordinato negli uffici dell'Elemosineria. Al termine della procedura si potrà effettuare la donazione con carta di credito. Verrà inviata al richiedente una email di conferma per il corretto inserimento della prenotazione. Un successivo messaggio email sarà spedito nel momento in cui si provvederà all'invio tramite spedizione Dhl, della quale verranno forniti i riferimenti per la tracciabilità. Sarà possibile inviare in Italia, Europa, e nel resto del mondo. Proprio a motivo dell'entrata in vigore della nuova procedura online, il servizio tramite fax si effettuerà solo fino al 10 marzo 2019.

Ti potrebbe interessare