Iraq, nella piana di Ninive i cristiani tornano a celebrare la Settimana Santa

Dopo anni di guerra e distruzione e un anno dopo la visita di Papa Francesco

La processione delle Palme
Foto: Bashar Yameel Hanna/ ACI MENA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dopo quasi un decennio di morte e distruzione, e un anno dopo la storica visita di Papa Francesco in Iraq, più di 25.000 cristiani assiri hanno cantato a Qaraqosh "Osanna al Figlio di Davide. Benedetto colui che viene nel nome del Signore, Osanna."

Qaraqosh, una città assira a maggioranza cristiana situata nel cuore della pianura di Ninive, si trova a meno di 20 miglia a sud-est di Mosul, la città che nel 2014 era la capitale de facto dello Stato Islamico nella regione.

Sia Mosul, Qaraqosh e altre città delle pianure di Ninive ospitavano 1,5 milioni di cristiani in Iraq. Dopo la seconda invasione americana nel 2004 e la rivolta dell'Isis nel 2014, in Iraq sono rimasti solo 300.000 cristiani.

Ma la domenica delle Palme, 10 aprile, la città è diventata l'epicentro cristiano dell'Iraq durante una processione e una messa presieduta da Sua Beatitudine Ignazio Efrem Joseph III Yonan, Patriarca di Antiochia e di tutto l'Oriente per la Chiesa siro-cattolica e accompagnata dall'arcivescovo Mitja Lescovar , il Nunzio apostolico in Iraq, il vescovo Nathanael Nizar Samaan, metropolita della diocesi siriaca di Hydiab-Erbil e del resto della regione del Kurdistan, l'arcivescovo Ephrem Youssef Abba Mansour, della diocesi siriaca di Baghdad, e il vescovo Atanasius Firas Mundher Dardar, patriarcale Vicario per i siro-cattolici a Bassora (Basorah) e nel Golfo Persico.

La moltitudine dei fedeli ha camminato insieme al patriarca Younan, che portava una croce ornata di rami d'ulivo.

La processione per la città è partita dalla Grande Chiesa di Santa Maria ad Al-Tahira, la più grande chiesa della Chiesa siro-cattolica e la più grande chiesa dell'Iraq dalla sua consacrazione nel 1952. La chiesa è stata profanata e bruciata dallo Stato Islamico, ma grazie all'aiuto di organizzazioni cattoliche occidentali come Aiuto alla Chiesa che Soffre, è stato restaurato in tempo per la visita di Papa Francesco nel marzo 2021.

Camminando per le strade della città, pregando il Rosario in arabo e siriaco e cantando gli inni della Domenica delle Palme, c'erano cristiani dei villaggi circostanti, diverse regioni dell'Iraq e persino espatriati iracheni dall'Europa, dall'America e dall'Australia.

Sabah Yacoub, in visita dalla Germania, ha detto ad ACI MENA, l’ agenzia in lingua araba del Gruppo ACI: "Qaraqosh vive nel nostro sangue perché è la nostra roccia. E tutto l'Iraq vive nel nostro sangue, perché è la nostra terra originaria. Siamo stati sfollati con la forza a causa dell'Isis, che voleva uccidere noi, le nostre famiglie, le nostre figlie, quindi abbiamo dovuto emigrare dal paese in un luogo sicuro". "Mi sono stabilito in Germania", ha detto Yacoub, “ma ogni volta che mi addormento penso all’ Iraq, e ogni anno vengo in Iraq in particolare durante le vacanze e lo considero un pellegrinaggio nel mio paese, e aspettiamo il giorno in cui potremo trovare stabilità a Bakhdidi (Qaraqosh) e nel nostro amato Iraq .”

Un altro espatriato, Elias Zakaria, ha parlato con ACI MENA della perdita dei suoi campi di pollame e del suo spostamento da parte dell'ISIS nella vicina Erbil. Dopo un anno, si è stabilito in Australia con la sua famiglia. Qaraqosh è stata ricostruita solo in parte e si stima che solo la metà della sua popolazione cristiana originaria sia tornata. Ma il clero cattolico, il primo gruppo ad entrare in città dopo la sconfitta dell'Isis, continua a guidare lo sforzo di ricostruzione.

La processione della Domenica delle Palme aveva le fronde di palma, rose, colori sgargianti e costumi folcloristici caratteristici di questa festività.

Sei membri della famiglia Hana Qasha hanno detto ad ACI MENA: “Tutte le persone si rallegrano del Re dei Re e del Signore dei Lord. Diamo il benvenuto a nostro Signore Gesù Cristo con canti, inni, canti, vari costumi popolari e colori sgargianti, i colori della primavera. Questo è il matrimonio di Bakhdidi (Qaraqosh). Pace e sicurezza per mezzo di nostro Signore Gesù Cristo, Re della pace, Signore dei signori”.

La processione ha visto la partecipazione delle tradizionali confraternite dell'Immacolata e del Sacro Cuore, e dei Catecumeni che saranno ricevuti nella Chiesa cattolica a Pasqua.

Nelle parole del Patriarca Yonan, “siamo qui per annunciare al mondo che siamo in questa regione come figli della speranza, figli dell'amore che vogliono vivere una vita dignitosa sotto la bandiera della croce e la bandiera irachena".

“Qui celebriamo l'occasione dell'ingresso del Signore a Gerusalemme, mentre anche le pietre gridano: 'Osanna al figlio di Davide', e la chiesa che è stata bruciata dallo Stato Islamico, è stata riportata a gridare, mentre le sue pietre gridano fuori: 'Osanna al figlio di Davide'", ha concluso.

Ti potrebbe interessare