La Madonna e le radici cristiane d’Europa. La Vergine e i musulmani

Nei Balcani, lì dove i turchi sono penetrati in profondità, il culto mariano è rimasto. E così in Serbia, Montenegro, Macedonia e Albania ci sono anche casi in cui la devozione alla Vergine coinvolge anche i musulmani. Ma la storia parte da più lontano

La salita dei monaci sul Monte Athos
Foto: pinterest
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Sospesi tra Chiesa d’Oriente e Islam, territorio di passaggio e di popolazioni con storie simili, ma diverse, i Balcani sono stati accomunati da una devozione alla Vergine che ha caratterizzato, in maniera diversa, le loro nazioni. Non si può prendere la storia delle nazioni come un unicum, come non si può fare in molti Paesi dell’Est europeo. Ma si può cercare di andare alle radici della fede cristiana che ha portato, in fondo, ad una fede popolare viva e tuttora presente. Tutto ha inizio, in fondo, in Grecia.

La Grecia cristiana nasce dalla perfetta fusione del cristianesimo con la componente politica romana e quella culturale ellenistica operata da Costantino. Fu questi a convocare, nel 325, il primo Concilio Ecumenico, il Concilio di Nicea, e poi a trasferire la capitale a Costantinopoli.

Il Concilio di Efeso del 431 si celebrò in una chiesa mariana – ad Efeso c’è anche la casa di Maria – ed ebbe come motto emblematico “Maria Theotokos”. Tutte le feste mariane e i tipo iconografici fino al Medioevo provennero dall’Oriente, e da Bisanzio in particolare.

Molti templi pagani dell’antica Grecia vennero trasformati in chiesa cristiane e spesso dedicate alla Vergine. Tra questi, il Partenone: si fecero lievi modifiche all’interno, e venne prima dedicato ad Aghia Sophia, la sapienza, quindi, quando il culto mariano ebbe il sopravvento, si cominciò ad invocare Maria nel tempio come Panaghia Ateniotissa, la Tuttasanta di Atene.

In mille anni di Impero Romano d’Oriente, la Grecia perse quasi del tutto la sua importanza, a vantaggio di Bisanzio. E Costantinopoli, dal canto suo, subì 30 assedi, ma cadde solo due volte. Il fatto che rimase intatta fu attribuito proprio alla protezione della Vergine. In fondo, Costantinopoli era un luogo dove c’erano “più chiese che giorni dell’anno” e almeno settanta di queste chiese erano dedicate alla Vergine.

Di queste settanta chiese, quattro ebbero una straordinaria importanza: la Blakernes, la Kalkopratia, l’Odigitria e la Fonte di vita

Blakernes era tra il Corno d’Oro e le mura, e c’era anche la “veste” della Vergine trafugata dalla Terrasanta nel 471.

Alla Blakerniotossa si attribuiva la salvezza dai tantissimi pericoli corsi dalla città e dall’impero: lì la Vergine era invocata come Stratega Protettrice.

Nella Kalkopratia era custodito il cinto della Vergine, mentre nell’Odigitria si venerava l’icona omonima attribuita a San Luca, che fece da prototipo a tutte le immagini di questo modello

Maria Fonte di Vita è l’unico santuario tuttora esistente e come centro ha il culto di una fonte sacra.

Tra il 726 e l’843 scoppiò la bufera dell’iconoclastia. San Giovanni Damasceno, il Papa di Roma, i monaci si opposero all’iconoclastia e molti di questi subirono il martirio, mentre la maggior parte delle immagini furono distrutte inesorabilmente, con un danno enorme non solo per la devozione, ma anche per la cultura, e con la perdita di moltissime opere del periodo più fiorente dell’arte bizantina. Altre immagini si salvarono in circostanze più o meno fortunose.

Quindi cominciò l’ascesa del Monte Athos, santa montagna dell’Oriente ortodosso, con un numero sempre crescente di monaci: nel 1400, si arrivò al numero record di 40 mila. L’isola divenne una autentica repubblica monastica, e fu rispettata anche dagli occupanti turchi, e a Maria sono dedicati espressamente alcuni dei venti monasteri principali, dove si venerano numerose icone mariane ritenute prodigiose.

La Quarta Crociata portò alla conquista e al saccheggio di Bisanzio, con la nascita dell’Impero Latino d’Oriente, che durò dal 1204 al 1261.

Nel 1453, le truppe di Maometto II presero d’assalto Costantinopoli e la saccheggiarono facendo strage degli abitanti. Le chiese della città vennero quasi tutte trasformate in mosche o distrutte, ma rimase la fisionomia di nazione cristiano ortodossa, in quattro secoli di dominazione, grazie proprio alla fiducia nella Vergine.

Il culto mariano era molto sviluppato fra i marinai delle isole dell’Egeo, che erano spesso protagonisti di trafugamenti di immagini. I marinai veneravano l’icona Kardiotissa, il cui prototipo è la Madonna del Perpetuo Soccorso che si trova nella chiesa di Sant’Alfonso de’ Liguori a Roma.

La lotta per l’indipendenza greca comincia nel 1821, e viene legata indissolubilmente al culto mariano. I rivoluzionari si legarono con giuramento al santuario di Aghia Lavra, fecero voti in onore della Tuttasanta, e proclamarono il 25 marzo, giorno dell’Annunciazione, come festa nazionale.

Tra i santuari più noti di Grecia c’è quello di Tinos, dedicato a Nostra Signora dell’Annunciazione. Battelli di ogni tipo, ad agosto, vanno verso questa isola delle Cicladi.

Il ritrovamento dell’icona risale al 1823. Si tratta dell’icona dell’Annunciata (Euanghelistria in greco), rinvenuta in seguito a un sogno fatto da una suora. Si scavò dove indicato dal sogno, si trovarono le rovine di una chiesa dedicata a San Giovanni Battista, e con le pietre recuperate gli operai costruirono sul posto una piccola cappella dedicata alla Vergine. Al termine dei lavori, un piccone spezzò la vecchia tavola, e rinvenne così l’icona.

Sul Monte Athos, c’è la Tuttasanta Portatissa, icona genere odigitria tra le più venerate che apparteneva ad una vedova di Nicea, tenuta nascosta durante l’iconoclastia. Un soldato la scoprì nell’829, la colpì con la spada e l’immagine fu colpita al volto e dalla ferita sgorgò sangue. Il soldato si convertì. La vedova affidò l’icona al mare e questa approdò così sulla spiaggia dalle parti del monastero georgiano di Iviron. I monaci misero l’icona nella chiesa, ma questa veniva sempre ritrovata sulla porta d’ingresso, e la cappella si dovette costruire proprio all’ingresso del monastero. La portatissa è veneratissima, in particolare in Russia e Serbia.

Il legame della Serbia con il monte Athos è molto forte. La Serbia era ripartita in due principati patriarcali. Nel XII, Stefano Nemanja riuscì a fondare un regno autonomo. Alla fine della sua vita, si ritirò nel monastero di Studenica, dedicato alla Vergine Maria. Lì, c’era già suo figlio Sava. E padre e figlio andarono poi sul monte Athos. La prima cosa che fecero lì fu di inchinarsi davanti alla Madre di Dio, che è la Madre di tutte le chiese che sono sul Monte Athos.

fondarono il monastero di Hilander, anch’esso dedicato alla Vergine Maria, che avrebbe rappresentato per molti secoli il cuore spirituale e culturale della Serbia stessa.

Il monaco Sava fece un pellegrinaggio in Terrasanta, dove acquistò l’icona detta delle tre mani, che secondo la tradizione appartenne a San Giovanni Damasceno. La terza mano dell’icona sarebbe un ex voto applicato dal Santo sull’icona a seguito di un prodigio: i nuovi dominatori arabi gli avevano amputato la mano destra, che gli si sarebbe riattaccata al braccio.

Nel 1219, Sava fu richiamato in patria per dare vita alla chiesa autocefala serba, fatto che diede un immenso sviluppo alla religiosità del posto. Sava fu venerato come santo, portò con sé l’icona delle tre mani, e la collocò nella cattedrale di Skopje, dove sarebbe rimasta fino alla caduta della Serbia sotto il dominio turco. Quindi, per precauzione, fu riportata nel monastero di Hilandar, dove la Vergine è ritenuta l’igumena, mentre il monaco che regge il monastero è semplicemente il Vicario della Vergine.

Dopo Sava, ci fu un periodo di prosperità che poi si trasformò in debolezza e frammentazione, di cui approfittarono i turchi per continuare la loro avanzata nei Balcani, e per sconfiggere definitivamente i serbi a Kosovo nel 1389.

Tra 1500 e 1600 vi furono vari tentativi di ribellione, e i moti irredentisti continuarono anche nel 1700 e 1800, quando la Serbia fu sottoposta all’influenza turca ad Austriaca. Solo dopo congresso di Berlino del 1878 il Paese arrivò ad una piena autonomia con il Montenegro. Il congresso però, lasciava insoddisfatte le mire di Grecia, Bulgaria e Serbia nei confronti della Macedonia, che venne poi spartita tra Albania, Bulgaria e Serbia

Nel 1929 Serbia Croazia e Slovenia diventano Jugoslavia, unità che si incrina nel 1989

In Serbia la religiosità in campo mariano è fortemente nutrita di leggende tratte dagli apocrifi, e si esprime in gesti compiuti da donne e madri in particolare. Anche le donne musulmane frequentano i santuari mariani.

Tra i santuari più noti c’è quello di Nostra Signora di Letnica, in Kosovo, punto di incontro religioso e sociale di albanesi, serbi, croati e zingari.

La statua di Letnica era stata collocata sotto un albero dopo che era stata sottratta a possibili profanazioni, e nemmeno i musulmani osarono toccare quella statua. La venerazione per quel monastero ha garantito la sopravvivenza della Chiesa cattolica.

La Madonna dello scalpello è un santuario su un’isola artificiale a forma di scalpello sorto intorno ad un’immagine mariana ritrovata su uno scoglio nel 1452. La popolazione delle Bocche di Cattaro si è sempre affidata alla protezione della Madonna dello scalpello. Ci sono, in quel santuario, 2500 ex voto, specialmente di marinari, tra i quali un alleato di San Leopoldo Mandic. L’anniversario del rinvenimento è il 22 luglio.

Legata al territorio è anche l’Albania, anche grazie alla figura di Giorgio Castriota Scanderbeg, che guidò la ribellione contro gli ottomani nel XV secolo. Devoto alla Madonna, Scanderbeg passava notti intere in preghiera nella chiesa di Santa Maria, una piccola costruzione gotica a Vau i Dejes, non lotano da Scutari.

La devozione mariana degli albanesi si concentra tutta, oggi, nel santuario del Buon Consiglio presso Scutari. L’immagine, considerata patrona della nazione, è scomparsa nel 1468, per poi ricomparire a Genazzano.

 

(12 – continua)

Ti potrebbe interessare