La predicazione e i miracoli di Sant'Antonio in mostra al Museo Antoniano

Dal 28 agosto al 1° novembre la collettiva d’arte per ripensare le figure di sant’Antonio e san Francesco dopo 800 anni dall’arrivo del poverello in Terrasanta e dalla vocazione francescana di Antonio

Statua Sant'Antonio
Foto: Sant'Antonio.org
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dal 28 agosto al 1° novembre la collettiva d’arte per ripensare le figure di sant’Antonio e san Francesco dopo 800 anni dall’arrivo del poverello in Terrasanta e dalla vocazione francescana di Antonio.

Si chiama “La Voce e il Miracolo - Espressioni del contemporaneo” la mostra che racconta di Sant'Antonio a San Francesco dopo 800 anni di vocazione e miracoli. Attraverso le opere di ventisette artisti italiani di caratura internazionale, l’esposizione, organizzata dall’Associazione culturale artistica “Di.Segno” e curata da suor Maria Gloria Riva, si propone di ripensare nell’oggi le figure dei santi Antonio e Francesco.

"Nella ricorrenza degli 800 anni di san Francesco d’Assisi in Terrasanta e della vocazione francescana di sant’Antonio, un gruppo artisti italiani di importante caratura, sono stati chiamati a pregare e riflettere, attraverso il linguaggio dell’arte contemporanea, queste due figure cardine della Cristianità - scrive il sito di Sant'Antonio per spiegare l'intento della mostra - Ne sono nate opere interessanti e possenti dove i due santi si aprono a interpretazioni originali e visionarie, in una sorta di dialogo tra loro sotto la forma dell’arte visiva".

L’esposizione “La Voce e il Miracolo - Espressioni del contemporaneo” sarà visitabile dal 28 agosto al 1° novembre (a eccezione del lunedì) nelle “Salette” adiacenti al Museo Antoniano della Basilica di S. Antonio a Padova (ingresso dal Chiostro del Beato Luca Belludi), nei seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. La vernice per il pubblico è fissata per venerdì 28 agosto, alle 17.00, in “Sala San Bonaventura” (stesso Chiostro del museo).

Sempre il sito di Sant'Antonio spiega: "Prevista inizialmente nell’ambito del Giugno Antoniano 2020, a causa della pandemia l’esposizione è stata rinviata, appunto, da fine estate all’autunno. Successivamente, la mostra si farà itinerante lungo la nostra penisola in occasione dell’anniversario dell’incontro tra sant’Antonio e san Francesco (Assisi, 1221-2021)".

Intanto dal 1 aprile, in occasione della pandemia, straordinariamente la statua di S.Antonio è segno di benvenuto ai pellegrini. Generalmente la statua viene esposta all'inzio della Tredicina di S.Antonio a fine maggio e resta esposta fino alla fine di giugno. Tuttavia, vista la straordinarietà del tempo che stiamo vivendo, i frati hanno deciso di mantenere la statua votiva nei pressi dell'ingresso della Basilica, per accogliere i pellegrini e introdurli al percorso devozionale che li porta poi alla Tomba del Santo e alla Cappella delle reliquie (o del Tesoro).

 

Ti potrebbe interessare