La Santa Sede a Pechino con gli antichi erbari per promuovere la Laudato si

I gadgets della manifestazione Live green. Live better.
Foto: www.horti-expo2019.org
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L’avvicinamento tra la Santa Sede e Pechino passa anche per le piante. Su espresso invito di Pechino infatti la Santa Sede parteciperà all Esposizione Internazionale di Orticoltura 2019, che si terrà a Beijing dal 28 aprile al 7 ottobre 2019, sul tema: Live green. Live better.

Tutto il mondo sa che la Cina popolare è un dei paesi più inquinati e inquinanti senza nessuna politica “verde” è dunque interessante che questa manifestazione si svolga a Pechino.

A presentare il padiglione ai giornalisti è stato il cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, Commissario del Padiglione della Santa Sede insieme a monsignor  Tomasz Trafny, ViceCommissario del Padiglione della Santa Sede.

Il Padiglione della Santa Sede ha sviluppato il proprio spazio espositivo intorno ad uno dei sotto temi della esposizione Home of Hearts, con l’obiettivo di promuovere i messaggi espressi del Santo Padre nella Lettera Enciclica Laudato Si’

Il Padiglione sarà inaugurato il 29 aprile e per il 14 settembre è prevista una giornata dedicata alla Santa Sede con una conferenza dedicata all’ecologia.

Nei 200 metri quadri di padiglione saranno esposti documenti della Biblioteca Apostolica Vaticana riguardanti erbari e le proprietà medicinali delle erbe e delle piante, un Herbarium illustrato senza test manoscritto di 112 fogli e un Dioscoride greco-latino parte di una piccola raccolta di manoscritti contenenti i disegni della Materia Medica di Dioscoride.

Ci sarà anche una riproduzione del dipinto di Peter Wenzel (Karlsbad 1745 - Roma 1829) Adamo ed Eva nel Paradiso Terrestre, conservato nei Musei Vaticani. La grande tela rappresenta il momento culminante della carriera del pittore, famoso per la sua abilità di riprodurre con straordinario naturalismo animali delle specie più diverse. Il Padiglione ospiterà anche un’innovativa serra indoor, realizzata con tecnologie d’avanguardia, che rappresenta il messaggio universale “Sia la luce” (Let there be light). In esposizione anche due opere inedite: un rilievo di Piazza San Pietro in bronzo con la Rosa dei Venti dell’Oriente e una scultura dorata di un albero d’ulivo. Tutti i contenuti in mostra all’interno del Padiglione saranno accessibili ai visitatori tramite la tecnologia non inquinante Li-Fi.

Oltre alle istituzioni vaticane ovviamente coinvolte il grazie della santa Sede va alle Rappresentanze diplomatiche dell’Italia a Pechino e dei Paesi Bassi presso la Santa Sede, presso la FAO e a Pechino. Quest’ultima ha fornito il sostegno floreale per tutto l’arco dei sei mesi dell’esposizione.

Ti potrebbe interessare