La storia della Diocesi di Raggio Emilia- Guastalla riemerge dagli archivi

Quattro volumi e 5165 pagine per raccontare 2000 anni di vita cristiana

La cattedrale di Reggio Emilia
Foto: Diocesi di Reggio Emilia
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un opera storica e d'archivio che giunge alla sua conclusine  porta un dono alla Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla”, finalmente giunta a conclusione.

Quattro volumi e più di 5000 pagine per l'impresa avviata nel  2006 dal vescovo Adriano Caprioli e affidata a don Giovanni Costi e Giuseppe Giovanelli ed edita dalla Morcelliana di Brescia, Maria Cristina Costa si è occupata del materiale cartografico.

“Conoscere la storia di una Chiesa – ha scritto mons. Caprioli nella premessa al primo volume edito nel 2012- è conoscere così l’unica Chiesa di Cristo, che, come afferma il Concilio Vaticano II, si realizza concretamente nelle Chiesa locali”.

Mancava un’opera di insieme e alla base di questo lavoro c'è la ricerca paziente negli Archivi Ecclesiastici e di Stato e nelle Biblioteche di Reggio Emilia, Guastalla, Ravenna, Milano (Biblioteca Ambrosiana), Mantova, Bologna, Modena, Parma, Cremona, Sarzana, Massa e Lucca; fonti preziose sono state reperite nell’Archivio Apostolico Vaticano e nella Biblioteca Vaticana (dove espressero le loro elevate doti di studiosi i reggiani cardinale Giovanni e il fratello mons. Angelo Mercati).

Migliaia i documenti preziosi come le relazioni dei Vescovi diocesani predisposte per le “Visita ad limina”.

Finalmente si ha ora un quadro d’insieme veramente esaustivo di quasi due millenni di presenza della Chiesa nel territorio reggiano-guastallese; esso ha il pregio anche di aprire nuove piste di ricerca, approfondimenti, valorizzazione ulteriore di testimonianze affidate ai curatori da protagonisti del clero e del laicato diocesano.

Annotava sempre il vescovo, ora emerito, Caprioli: “Calata nel quotidiano, collocata in un territorio con tutte le sue configurazioni non puramente geografiche, ma sociali, economiche, istituzionali, spirituali e religiose, la parabola storia di una Chiesa locale è profondamente intrecciata con la storia della società civile. Diocesi è il vescovo, ma non solo: è la cattedrale, il clero, il seminario, il laicato, gli ordini religiosi, l’associazionismo cattolico, la liturgia, la pietà popolare, i santuari, confraternite, ed opere pie, scuole ed ospedali, beni culturali ed opere d’arte, lì’intero popolo di Dio radicato in un determinato territorio e caratterizzato da un proprio modo di vivere il Cristianesimo, in stretto rapporto con  l’evoluzione della società civile”.

Ti potrebbe interessare