Letture: a Paola, a Roma sulle orme di un Francesco più amato di quello di Assisi

La copertina del libro
Foto: Rubettino
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il Santuario di San Francesco di Paola, in Calabria,  è uno dei luoghi in cui il confine tra cielo e terra sembra  quasi confondersi, diventando sempre piu' sottile e trasparente, mano a mano che ci si addentra.

 

Il santuario sorge su una collina, circondata da alberi fitti, e si sente un grande silenzio che nemmeno la grande affluenza di pellegrini riesce a sgretolarsi, mentre, se ci apparta in una dei chiostri o dentro una delle tante  cappelle, si può percepire chiaramente la voce sottile delle acque che tutt'intorno scorrono copiose, segno tangibile che la  presenza del santo ha lasciato come uno dei suoi tanti doni.

 

Quella bellezza austera e colma di mistero ci sono tornati in mente, con lo stesso senso di grato stupore provato in quella visita,  grazie ad un libro uscito di recente, che parla del santo, della sua vita  e delle sue opere straordinarie e di quanto la sua influenza sia diffusa nel mondo, ancora oggi. Tanto da "battere" in popolarità nel mondo persino il suo illustre predecessore, san Francesco d'Assisi. Non si direbbe, ma è così. Lo testimoniano le innumerevoli chiese a lui dedicate, il numero dei pellegrini, dei devoti sparsi nei quattro continenti.

Il libro in questione si intitola "Francesco di Paola, un eremita nel mondo", lo ha scritto Paolo Rodari, giornalista vaticanista e scrittore, ed è pubblicato da Rubbettino.  

 

Una vita straordinaria, quella di Francesco, fin dalla prima adolescenza, quando si  rivela attraverso una scelta  forte,  fuori dal  comune: la via dell'eremitaggio,  del ritorno alla purezza della fede, come facevano i padri del deserto. Francesco vive nel Quattrocento (nasce, per l'esattezza nel 1416), in un'epoca di grandi conflitti, di guerre, di dissoluzione fuori e dentro la Chiesa, in cui i ricchi e i potenti opprimono con violenza e arroganza la massa dei poveri e diseredati.

 

A questa logica aberrante non sfuggono neppure altri rappresentanti delle gerarchie ecclesiastiche. Per Francesco, come viene messo in rilievo nel libro di Rodari, appare subito urgente e necessario far tornare la fede alla purezza della  voce del Vangelo. E comincia a farlo lui per primo, scegliendo la via dell''eremitaggio, nel suo paese natale in Calabria, il paese di Paola, appunto. 

 

In un campo vicinoo alla casa dei suoi genitori, vive pregando e si sostiene grazie alla carita' altrui. Ben presto si diffonde la fama della potenza della sua preghiera e di "uomo di Dio", la gente semplice lo viene a cercare, per chiedere consiglio, aiuto, intercessione. E comincia a diffondersi anche la sua fama di taumaturgo, capace di operare "cose meravigliose".

 

Ecco allora le guarigioni miracolose, come quella di un ragazzo affetto da una piaga incurabile,  guarito usando banali erbe comuni; lo sgorgare inspiegabile delle acque della Cucchiarella, che Francesco fa scaturire colpendo con il bastone una roccia presso il convento di Paola, ancora oggi oggetto di pellegrinaggi. E tanti altri ancora, compresa la traversata dello stretto di Messina  "a bordo" di un mantello.

 

Uno degli episodi più famosi: davanti al re di Napoli che gli offre un vassoio di monete d'oro, Francesco spezza una di queste monete e mostra al sovrano il sangue che ne esce, perché quel denaro era frutto di vessazioni del popolo, frutto del sangue della povera gente.

Dal suo eremitaggio il santo esce per andare incontro al mondo, incontra ogni genere di persona, fonda l'ordine dei Minimi e conventi in tutta Italia, ma va ancora più in là,  perché il suo orizzonte è sempre più vasto: Roma, e poi la Francia. Vissuto di penitenza e di carità, finisce alla corte di uno degli uomini più potenti del tempo, il re di Francia, che lo vuole come suo consigliere.  

 

Ed è in Francia  che muore, il 2 aprile 1507. Viene proclamato santo in tempi rapidi, il primo maggio 1519.

 

Intanto l'ordine dei Minimi si diffonde ovunque, e la devozione per il santo si rafforza anche grazie alle ondate migratorie in partenza dal Sud Italia. Del resto, san  Francesco ha vissuto peregrinando e ha attraversato il mare su un mantello, quindi piu' che giusto che nel 1943 venga  proclamato da papa Pio XII  "Patrono della gente di mare della nazione italiana", e dovunque sono nate associazioni, gruppi di preghiera,  che nel nome del grande santo calabrese si prefiggono di portare ancora lungo le vie del nostro mondo travagliato il suo messaggio di pace e di promozione umana.

 

Come si propone di fare l'Associazione San Francesco di Paola in Italia e nel mondo", con sede a Roma, nata nel 2010 per iniziativa di un gruppo di professionisti calabresi devoti a san Francesco.  

 

Restando nella Capitale, non si può non fare un "salto" virtuale nella bellissima chiesa di Sant'Andrea delle Fratte, nel cuore della città,  proprio dietro a piazza di Spagna, famosa per la Madonna del miracolo - il 20 gennaio 1842 l'Immacolata della Medaglia miracolosa apparve all'ateo ed ebreo Alphonse Ratisbonne,  che si convertì al cattolicesimo - e per gli angeli scolpiti dal Bernini. Il santuario ospita la comunità dei padri Minimi, tra i quali si trova anche Giacomo D'Orta, figlio del maestro Marcello, diventato famoso grazie al romanzo "Io speriamo che me la cavo", scomparso qualche anno fa. Con  lo stesso bonario sorriso e la stessa semplice, profonda fede. 

 

Paolo Rodari, Francesco di Paola, un eremita nel mondo,  edizioni Rubbettino, pp.102, euro12

 

 

Ti potrebbe interessare