Letture, le poesie di Varujan e le foto delle chiese da salvare in Armenia

La poesia come preghiera nei componimenti del poeta ucciso nel Medz Yeghern

Uno dei dipinti della mostra
Foto: Palazzo Zuckermann
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Per tutta la sua vita, finita così presto, aveva cantato il grano che quando matura si trasforma in un mare d’oro ondeggiante, aveva cantato l’odore della buona terra arata di fresco e del pane appena sfornato, dei frutti maturi che pendono dai rami degli alberi, del dolore che feconda l’esistenza.

Poi, una dolce notte d’aprile, bussano alla sua porta e soldati turchi lo portano via, mentre la moglie singhiozzante si tocca il ventre arrotondato dalla gravidanze e i suoi due figli dormono ignari. Nella sua lenta agonia trascinata tra carcere, marce forzate, fame e botte, riesce persino a scrivere, in un quaderno sgualcito, gli ultimi versi, attraverso il velo fitto della sofferenza, anzi dell’incubo che lui, insieme a migliaia e migliaia dovranno attraversare. La sua colpa? Essere armeno. Una “colpa” che milioni di persone hanno pagato con la vita.Almeno un milione e mezzo di morti, il bilancio del genocidio perpetrato dall’impero ottomano   tra il 1915 e il 1916, oggi commemorato nella giornata del 24 aprile. Gli armeni usano l'espressione Medz Yeghern (in lingua armena  "grande crimine"). 

Daniel Varujan, l’insegnate, il poeta, l’uomo che aveva sempre creduto nella bellezza e nella sacralità della vita, il 26 agosto del 1915 conclude l’esistenza  legato ad un albero, spezzato dalle torture, depredato di tutto, con gli occhi che si spengono lentamente. Nella sua tasca c’è ancora il quaderno sgualcito  con le sue poesie. E per quel quaderno  comincia un’altra odissea. Nel 1921 un agente segreto ingaggiato dalla famiglia del poeta recupera  il quaderno da un cumulo di oggetti sequestrati ai prigionieri armeni. Il tesoro ritrovato sarà proprio  Il Canto del Pane”, capolavoro incompiuto di  Varujan.

Il ritrovamento quasi miracoloso del manoscritto permette di diffondere l’opera di questo poeta autentico scomparso a soli 31 anni. Alla sua conoscenza e allo studio ha contribuito decisamente Antonia Arslan, nota scrittrice e a lungo docente universitaria. Molti dei suoi studenti sono stati “indotti” a farsi affascinare dal mondo poetico di Varujan e di altri autori armeni grazie alle sue capacità affabulatorie, al suo modo appassionante di raccontare autori, artisti, opere, vite, tragedie. Infaticabile nel promuovere la conoscenza e la difesa della cultura armena, è legata proprio a lei la nuova iniziativa legata alla figura di Varujan, ossia la mostra “Mistero armeno. Daniel Varujan in poesia e immagini”, in corso in questi giorni a Padova, presso il salone della Gran Guardia.
La mostra nasce dall’incontro dell’illustratrice Silvia Paggiarin - diplomata in Arte Applicata e Arte del Tessuto, laureata in Filosofia all’Università di Padova, si è formata come illustratrice presso la Scuola Internazionale di Illustrazione di Sarmede -  con il poeta armeno;  attraverso le illustrazioni, Silvia Paggiarin dialoga con i versi potenti ed evocativi di Varujan, tessendo una trama preziosa di suggestioni tra Oriente e Occidente, racconti silenziosi e delicati trasformati in immagini evocative: un gatto che appare come una specie di divinità arcana; un volto di donna anziana che diventa un’icona del dolore e dell’eternità; un tenue paesaggio lagunare (Venezia accoglierà i monaci mecharisti in fuga nell’isola di San Lazzaro, ma anche la grande comunità armena di antica tradizione) e l’immagine che pare emergere dalle acque di una preziosa Madonna con il Bambino. Questo appuntamento padovano rappresenta una possibilità concreta per incontrare la poesia di Varujan e amarla.

Una poesia che spesso assume il tono della preghiera, dell’invocazione, della canzone antica, in cui  i ritmi della vita contadina della fine dell’Ottocento, di quell’Armenia che diventerà solo un ricordo, dopo l’eccidio e la diaspora del popolo armeno, si intrecciano con  la lotta per mantenere la propria identità, insieme alla contemplazione del mistero di un Dio che si è incarnato ed è venuto sulla terra a condividere i dolori e le gioie dell’uomo. E Daniel del dolore ha una lunga esperienza: il padre scomparso in una prigione turca, i lunghi anni trascorsi “in esilio” per studiare, crisi profonde, fino all’amore per la sua patria, il ritorno e l’impegno per difendere quella cultura antica e plasmata dalla fede, con i suoi versi pieni di immagini e di colori, la forza della preghiera,  l’amore, la famiglia, la bellezza dei campi di grano e di papaveri, l’orrore dei massacri che lo travolgerannno….

E Padova offre un’altra opportunità per accostarsi alla storia e all’arte armena. Proprio oggi si inaugura  presso  palazzo Zuckermann “Armenia”, esposizione fotografica che illustra un lungo percorso di studi, di ricerche e di restauri  di dipinti murali nelle chiese in Armenia e nell’Artsakh (Nagorno Karabagh), una vera missione, quella cioè di salvare dall’incuria e dalla furia insensata di aggressioni e prevaricazioni tesori in chi affondano le radici di una fede che è diventata civiltà. Così possiamo ancora ammirare e meditare sui dipinti murali di tre chiese: Lmbatavank’, Monastero di Haghbat e Monastero di Dadivank’. La mostra è stata curata dall’architetto  Arà Zarian e della restauratrice di opere d’arte Christine Lamoureux, promossa e realizzata dalla Regione Veneto, dal Comune di Padova e dai Musei Civici di Padova. Al progetto culturale hanno portato il loro prezioso contributo il Consolato Onorario della Repubblica di Armenia a Venezia, l’Associazione ITALIARMENIA e la Casa di Cristallo, entrambi di Padova.

 

 

Daniel Varujan, Mari di grano e altre poesie armene, a cura di Antonia Arslan, Paoline Editoriale, pp.174, euro 10

 

Ti potrebbe interessare