Letture, Santa Brigida in Terra Santa, il presepe e le rivelazioni di Maria

Un dettaglio della copertina del libro
Foto: Edizioni Terra Santa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

C'è una chiesa, tra le mille di Napoli, quasi nascosta al centro di una strada che dal cuore della città porta al mare, di fianco al Maschio Angioino. La strada si chiama via di santa Brigida e la chiesa è proprio dedicata alla stessa santa.

 

 

L'abbiamo cercata appositamente, in una bella giornata di quasi festa,  alla vigilia dell'Immacolata, con un'aria  di Natale già intensa. La chiesa risale al Seicento, con una cappella dedicata alla Santa e un reliquiario, mentre svetta la bellissima cupola dipinta da Luca Giordano, che ritrae Brigida che viene accolta in Cielo, cupola ora però coperta per via di lavori di restauro.

 

Un silenzio intenso accoglie quando si entra in chiesa, in chiaro contrasto con il chiasso e il brulicare delle vie adiacenti. Ritornati in strada, ecco la sagoma massiccia del Maschio, e più in la', nello splendore del mattino, quella di Castel dell'Ovo, famigerata prigione ai tempi della regina Giovanna.

 

E ai tempi di Brigida, che venne qui a Napoli per imbarcarsi per il suo pellegrinaggio in Terra Santa e che con la regina ebbe forti contrasti, al punto che Giovanna fece mettere la futura santa al vaglio di una commissione che doveva decretare se le sue rivelazioni erano conformi o meno all'ortodossia cattolica e Brigida dovette vivere a Napoli come agli arresti domiciliari,  libera di girare in città ma non di lasciarla.

 

Il filo rosso che unisce queste memorie vive e il piccolo viaggio alla ricerca di una traccia di lei, Brigida, è costituito da un libro appena uscito. E a questo punto bisogna tornare indietro di qualche giorno. Quando a Roma, presso la chiesa di Santa Maria degli Angeli, in una meravigliosa sala del Cinquecento,  viene presentato un libro dal titolo "La pellegrina del Nord. Viaggio e rivelazioni di Brigida di Svezia da Roma a Gerusalemme".

 

Ci sono l'autore, Luca Cesarini, prete della Chiesa di Svezia e autore di molti libri soprattutto dedicati a Brigida, Angela Ambrogetti, che  coordina l'incontro, e il professor Olof Brandt, docente di Architettura cristiana antica. E raccontano della grande santa svedese in veste di pellegrina, una dimensione che ha conformato tutta la sua vita.

 

In particolare, il libro racconta, con dettagli e particolari che rendono quasi "contemporaneo", nel senso che descrive i fatti come se si svolgessero sotto i nostri occhi,  il pellegrinaggio di Brigida fino a Gerusalemme,  dal 1371 al 1373. E alla fine del racconto del viaggio, sono presentati brani delle Rivelazioni della Santa che hanno accompagnato il pellegrinaggio. 

 

Tra i tanti, colpisce il brano in cui la pellegrina riceve la visione del parto della Madonna, che dopo il parto si mette in ginocchio, davanti al Bambino nudo: la scena che vediamo in tutti i presepi, per intenderci. Prima si rappresentava con Maria sdraiata e accanto Gesù in fasce,   come si vede ad esempio nel mosaico del Duecento in Santa Maria Maggiore. Se dunque San Francesco ha creato il primo presepe, vivente peraltro, si deve a santa Brigida l'iconografia che poi diventa classica.

 

Come ha ricordato  il professor Brandt,  oggi abbiamo perso, in realtà,  il senso del l'autentica viaggio della fede, che fin dai primi anni di vita della Chiesa era indirizzato verso i luoghi in cui si conservava no le reliquie dei martiri e dei santi. L'edificio stesso della comunità ecclesiale si percepiva con chiarezza come fondata sul sangue dei martiri e sulla grandezza dei suoi santi. Ai tempi della nostra santa tutto questo era evidente, diventava esperienza quotidiana, ed era comune  la decisione di  partire per sciogliere un voto, per chiedere una grazia, per vedere e toccare un luogo reso sacro dalla presenza di reliquie.

 

Il libro svela molte altre particolarità legate al pellegrinaggio che questa donna indomita, ormai anziana, ha aspettato per anni prima di affrontare, attendendo  sempre il "nullaosta" dal Cielo. E senza avere alcun timore organizza  questa impresa considerata universalmente impossibile,  tra traversate marine, naufragi, malattie, ostacoli e ostilità di  ogni genere. Sempre con la certezza della costante presenza di Dio, dei suoi messaggi, perché per santa Brigida il soprannaturale è la dimensione più naturale.  

 

Il  viaggio diventa un percorso esistenziale e avventuroso, che si legge anche in questa prospettiva, svelando la sua natura, per così dire, di pratica guida per chi vuole andare  o tornare in Terra Santa. D'altronde, il libro di Cesarini,  pubblicato da Edizioni Terra Santa, si colloca in una collana denominata appunto "Viaggiatori in Terra Santa", che propone diari e racconti di illustri viaggiatori che rinnovano la meraviglia, il miracolo potremmo dire, dell 'attraversare i luoghi legati alla vita terrena di Cristo.

 

Mark Twain, Papa Giovanni XXIII,  Chateaubriand. ..possono diventare le guide per vedere questi luoghi secondo prospettive originali. E ovviamente lo sguardo e le parole di Brigida, che attraversa terre e reali senza mai stancarsi di rivelare i progetti e i moniti di Dio ai  potenti e alla gente comune. Non ha paura di dire alla regina Giovanna, a Napoli, che deve pentirsi subito dei suoi numerosi peccati, non teme di rivelare alla regina di Cipro e ai suoi sudditi l'amaro destino della loro terra, in una profezia che sarà perfettamente adempiuta, fino ai nostri giorni. 

 

Questo libro, dunque, sarà un ottimo compagno di viaggio, sia per lidi più lontani  sia per città più vicine, come chi scrive ha già sperimentato personalmente, e può essere anche una guida ai misteri del Natale, della nascita di Gesù, che la pellegrina venuta dal Nord ci indica con umiltà e con senso di meraviglia che non si esaurisce mai. 

 

Luca Cesarini,  La pellegrina del Nord, Edizioni Terra Santa, pp.223, euro 16

 

 

Ti potrebbe interessare