Mercoledì delle Ceneri, "imploriamo da Dio la pace"

A Santa Sabina l'omelia di Papa Francesco è stata letta dal Cardinale Parolin, Segretario di Stato

Il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Si è svolta in occasione del Mercoledì delle Ceneri la tradizionale processione penitenziale da Sant’Anselmo a Santa Sabina all’Aventino dove il Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin ha presieduto la Messa. Il porporato ha letto l’omelia preparata dal Papa, che non ha potuto essere presente a causa di un problema al ginocchio.

“Il Signore – ha detto il porporato leggendo il testo papale - distingue due tipi di ricompensa a cui può tendere la vita di una persona: da un lato c’è la ricompensa presso il Padre e dall’altro la ricompensa presso gli uomini. La prima è eterna, è quella vera, definitiva, è lo scopo del vivere. La seconda, invece, è transitoria, è un abbaglio a cui tendiamo quando l’ammirazione degli uomini e il successo mondano sono per noi la cosa più importante, la maggiore gratificazione. Ma è un’illusione”.

“Chi guarda alla ricompensa del mondo – ha aggiunto - non trova mai pace e nemmeno sa promuovere la pace. Perché perde di vista il Padre e i fratelli. È un rischio che corriamo tutti”.

“Il rito delle ceneri – ha sottolineato il Cardinale Parolin a nome del Papa - vuole sottrarci all’abbaglio di anteporre la ricompensa presso gli uomini alla ricompensa presso il Padre. Questo segno austero, che ci porta a riflettere sulla caducità della nostra condizione umana, è come una medicina dal sapore amaro ma efficace per curare la malattia dell’apparenza. Si tratta di una malattia spirituale, che schiavizza la persona, portandola a diventare dipendente dall’ammirazione altrui. È una vera e propria schiavitù degli occhi e della mente che induce a vivere all’insegna della vanagloria, per cui quel che conta non è la pulizia del cuore, ma l’ammirazione della gente; non lo sguardo di Dio su di noi, ma come ci guardano gli altri. E non si può vivere bene accontentandosi di questa ricompensa. Il guaio è che questa malattia dell’apparenza insidia anche gli ambiti più sacri”.

Preghiera, carità e digiuno non devono diventare autoreferenziali perché “in ogni gesto, anche nel più bello, può nascondersi il tarlo dell’autocompiacimento. Tutto può diventare una sorta di finzione nei confronti di Dio, di sé stessi e degli altri. Per questo la Parola di Dio ci invita a guardarci dentro, per vedere le nostre ipocrisie. Facciamo una diagnosi delle apparenze che ricerchiamo; proviamo a smascherarle”.

Il Papa ha ammonito: “non siamo al mondo per inseguire il vento; il nostro cuore ha sete di eternità. La Quaresima è un tempo donatoci dal Signore per tornare a vivere, per essere curati interiormente e per camminare verso la Pasqua, verso ciò che non passa, verso la ricompensa presso il Padre. È un cammino di guarigione. Non per cambiare tutto dall’oggi al domani, ma per vivere ogni giorno con uno spirito nuovo, con uno stile diverso. A questo servono la preghiera, la carità e il digiuno”.

In Quaresima “preghiamo guardando il Crocifisso: lasciamoci invadere dalla commovente tenerezza di Dio e mettiamo nelle sue ferite quelle nostre e del mondo. Non lasciamoci prendere dalla fretta, stiamo in silenzio davanti a Lui. Riscopriamo l’essenzialità feconda del dialogo intimo con il Signore. Perché Dio non gradisce le cose appariscenti”.

La carità ci libera dalla schiavitù peggiore, quella da noi stessi” e il digiuno “non è una dieta, anzi ci libera dall’autoreferenzialità della ricerca ossessiva del benessere fisico, per aiutarci a tenere in forma non il corpo, ma lo spirito. Il digiuno ci riporta a dare il giusto valore alle cose”.

“Se la preghiera, la carità e il digiuno – è la conclusione dell’omelia - devono maturare nel segreto, non sono segreti i loro effetti. Preghiera, carità e digiuno non sono medicine solo per noi, ma per tutti: possono infatti cambiare la storia. Sono le armi dello spirito, ed è con esse che, in questa giornata di preghiera e di digiuno per l’Ucraina, imploriamo da Dio quella pace che gli uomini da soli non riescono a costruire. O Signore, Tu che vedi nel segreto e ci ricompensi al di là di ogni nostra attesa, ascolta la preghiera di quanti confidano in Te, soprattutto dei più umili, dei più provati, di coloro che soffrono e fuggono sotto il frastuono delle armi. Rimetti nei cuori la pace, ridona ai nostri giorni la tua pace”.

Ti potrebbe interessare