Mondo post-pandemia, l’impegno delle Chiese cristiane e delle altre religioni

Il dicastero vaticano per il Dialogo Interreligioso e il dipartimento analogo del Consiglio Mondiale delle Chiese si sono riuniti il 19-20 gennaio. Al centro dei colloqui, il documento “Servire un mondo ferito nella Solidarietà interreligiosa”

Un momento dell'incontro del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso con l'ufficio per il dialogo interreligioso del Consiglio Mondiale delle Cheise
Foto: WCC
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

È stato il documento “Servire un mondo ferito nella solidarietà interreligiosa” il centro dei colloqui annuali tra il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso e l’Ufficio per il Dialogo e la Cooperazione Interreligiosa del Consiglio Mondiale delle Chiese, l’organismo con sede a Ginevra che si occupa del dialogo tra le Chiese cristiane nel mondo, cui la Santa Sede partecipa da osservatore.

I colloqui si sono tenuti in forma virtuale il 19 e 20 gennaio. Il documento in questione – che ha come sottotitolo “Un appello cristiano alla riflessione e all’azione durante il COVID 19 e oltre” – è stato prodotto dai due uffici nel 2020.  Composto da cinque sezioni, il documento riflette sulla natura di una solidarietà sostenuta dalla speranza e offre una base cristiana per solidarietà interreligiosa, alcuni principi chiave e una serie di raccomandazioni su come riflettere la solidarietà può essere tradotta in azione concreta e credibile.

Si tratta dell’ultima di una serie di pubblicazioni congiunte, a testimonianza di come si sia sviluppata la collaborazione tra i due organismi in oltre 40 anni.

Gli incontri si tengono tradizionalmente durante la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani, come segno visibile dell’impegno di entrambi gli uffici a crescere nella comunione ecumenica e ad intensificare gli sforzi collaborativi nella promozione del dialogo interreligioso attraverso una migliore ricezione dei documenti prodotti.

Prima di questo documento sulla solidarietà nel mondo post-Covid, i due organismi hanno condotto progetti comuni sul Matrimonio Interreligioso (1994 – 1997), la Preghiera Interreligiosa (1997 – 1998), la Religiosità Africana (2000 – 2004), la Testimonianza Cristiana in un mondo Multi Religioso (2006 – 2011) ed Educazione e Pace (2019).

Ti potrebbe interessare