Non dobbiamo dimenticare la Nigeria!

Una nota dell' Editore: La violenza contro i cristiani è quasi un fatto quotidiano.

Owo
Foto: ACS
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il massacro del 5 giugno di dozzine di cattolici nigeriani innocenti in una messa di Pentecoste a Owo, nello stato sud-occidentale di Ondo, è stata una tragedia assolutamente orribile. Ancora più tragica è la realtà che questo non è stato un evento isolato; attacchi violenti contro i cristiani sono all'ordine del giorno in Nigeria. La tragedia è ulteriormente aggravata dalla realtà che il resto del mondo ha per lo più ignorato l'escalation della persecuzione anticristiana che da decenni è in corso nella nazione più popolosa dell'Africa.

La violenza lì contro i cristiani è ora un evento quotidiano. Solo nell'ultimo mese, insieme al devastante massacro di Pentecoste, gli attacchi segnalati includevano il rapimento del 26 maggio di due sacerdoti nella diocesi di Sokota; la morte di un altro sacerdote rapito a marzo; e l'omicidio di uno studente universitario cristiano da parte di una folla di suoi compagni di studio.

 Gli autori degli attacchi contro i cristiani includono un certo numero di gruppi islamisti, tra cui in particolare i famigerati militanti di Boko Haram, che hanno condotto numerosi oltraggi nel nord della Nigeria, e le milizie musulmane Fulani, che hanno preso di mira le loro vittime in una fascia geografica più ampia del paese. La violenza non si ispira esclusivamente alle antipatie anticristiane; sono in gioco anche rivalità etniche, economiche e territoriali, in particolare nel caso dei Fulani.

 Ma la religione rimane la principale causa della violenza in Nigeria, la cui popolazione di 225 milioni è quasi equamente divisa tra musulmani e cristiani. Secondo la Commissione degli Stati Uniti e per la libertà religiosa internazionale e la "World Watch List" dell'organizzazione di Porte Aperte, la Nigeria è uno dei trasgressori più eclatanti del mondo in termini di persecuzione religiosa.

 Le conseguenze per i cristiani nigeriani sono state terribili. Più di 60.000 cristiani sono stati uccisi negli ultimi due decenni e il bilancio delle vittime è aumentato in modo allarmante di recente, con un rapporto che stima che più di 3.400 cristiani siano stati uccisi nei primi 200 giorni del 2021.

 È anche chiaro che anche se costituiscono quasi la metà della popolazione totale della loro nazione, la comunità cristiana assediata della nazione africana non può contare sull'aiuto dell'attuale governo. Il presidente Muhammadu Buhari è lui stesso un Fulani di etnia e l'apparato di sicurezza nazionale del suo governo è dominato da funzionari le cui simpatie sembrano risiedere più agli autori della violenza religiosa che alle sue vittime.

 Questo deplorevole fallimento da parte delle autorità pubbliche nell'agire per loro conto è stato individuato nella dichiarazione del 7 giugno della diocesi di Ondo sul massacro della domenica di Pentecoste a St. Chiesa di Francis Xavier a Owo.

 Chiedendo che gli autori di "questo atto abominevole" siano consegnati immediatamente alla giustizia, nella dichiarazione si legge: "È abbastanza scoraggiante e imbarazzante che queste uccisioni, rapimenti e altre atrocità inutili siano ora fatte impunemente su base giornaliera".

 Al di fuori della Nigeria, con la guerra in Ucraina che continua a dominare le notizie internazionali e tante tragedie che si verificano più vicino a casa, come le recenti sparatorie di massa negli Stati Uniti, le persone sono state distratte dal peggioramento della violenza in Nigeria e dalla persecuzione cristiana che si sta verificando lì. Quindi cosa dovrebbero fare i cattolici negli Stati Uniti per comunicare solidarietà con i nostri fratelli nella fede in Nigeria e fornire loro un sostegno concreto?

 Secondo sostenitori cattolici della libertà religiosa come Stephen Rasche dell'Istituto per la libertà religiosa, un'azione immediata dovrebbe essere quella di fare pressione sul governo degli Stati Uniti affinché ripristini la designazione ufficiale della Nigeria come "paese di particolare preoccupazione" rispetto alla violazione della libertà religiosa dei suoi cittadini da parte del paese. Nonostante la continua ondata di violenza contro i cristiani e l'evidente riluttanza dell'attuale regime nigeriano ad adottare misure significative per frenarlo, il Dipartimento di Stato degli USA si è mosso lo scorso novembre per rimuovere la Nigeria dalla sua lista di "Paesi di particolare preoccupazione" che stanno commettendo le violazioni più eclatanti contro la libertà religiosa.

 Questa azione inaspettata, che è direttamente contraria alla continua escalation sul terreno, ha sbalordito i sostenitori della libertà religiosa. In effetti, La Commissione per la libertà religiosa internazionale, un panel federale bipartisan i cui membri sono nominati sia dalla Casa Bianca che dal Congresso, ha rilasciato una dichiarazione dichiarando di essere stato "sconvolto" dall'azione del Dipartimento di Stato.

 Questo cambiamento dell'amministrazione Biden sulla Nigeria sembra riflettere la tendenza di molti leader politici occidentali a minimizzare la violenza diretta specificamente contro i cristiani e a rifiutare di agire in modo significativo contro le nazioni che ne consentono di verificarsi, anche se è documentato il fatto che i cristiani sono di gran lunga gli obiettivi più comuni delle violazioni internazionali della libertà religiosa. Qualunque sia il motivo, è stato un grave errore del Dipartimento di Stato che deve essere corretto al più presto. L'amministrazione dovrebbe anche comunicare che gli aiuti allo sviluppo degli Stati Uniti alla Nigeria, incluso il pacchetto da 2,1 miliardi di dollari annunciato dal Segretario di Stato Antony Blinken due giorni dopo la revoca della designazione della Nigeria come paese di particolare preoccupazione, saranno resi disponibili solo a condizione esplicita che il suo governo nazionale sostenga la libertà religiosa e difenda i suoi cittadini cristiani dalla continua epidemia di violenza.

 Dobbiamo anche continuare a offrire le nostre preghiere per il popolo cristiano della Nigeria e i cristiani perseguitati in tutto il mondo. Inoltre, possiamo anche contribuire direttamente alle organizzazioni internazionali di difesa religiosa e agli sforzi di aiuto per le vittime. Tali aiuti sono disperatamente necessari sulla scia di attacchi come il massacro della Messa di Pentecoste.

 Ma mentre ci sforziamo di assistere i cattolici assediati della Nigeria, teniamo anche a mente che stanno facendo tanto o di più per noi in cambio. Nonostante le loro infinite sofferenze, la loro gioia e perseveranza come seguaci di Cristo è davvero notevole. Imperterrito dagli attacchi alle loro chiese, la partecipazione settimanale alla messa tra i cattolici locali rimane superiore al 90% e le vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa continuano a crescere. Questi fedeli sanno che il cielo esiste e, come i primi martiri cristiani, sono disposti a morire per la loro fede, se necessario. Dovremmo ringraziare Dio per la loro eroica testimonianza e attraverso di essa acquisire la forza di avvicinarci a Lui noi stessi.

Dio Vi benedica!

Ti potrebbe interessare