Papa: “Essere missione richiede coraggio, audacia e fantasia”

Papa Francesco
Foto: Daniel Ibanez, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Il “sì” totale e generoso di una vita donata è simile ad una sorgente d’acqua, nascosta da tanto tempo nelle profondità della terra, che attende di sgorgare e scorrere all’esterno, in un rivolo di purezza e freschezza”. Parla di servizio e di missione il discorso consegnato da Papa Francesco ai partecipanti del Convegno promosso dall’Ufficio nazionale per la Pastorale delle vocazioni della Conferenza episcopale italiana, sul tema “Alzati, va’ e non temere. Vocazioni e Santità: io sono una missione”, a Roma dal 3 al 5 gennaio. Il Papa li ha ricevuti, circa 800 persone, in udienza nella mattinata in Aula Paolo VI e a tutti ha rivolto l’invito a mettersi in cammino verso il prossimo Sinodo dei vescovi del 2018 dedicato ai giovani.

Per Francesco nel servizio occorrono “passione e senso di gratuità”.  “La passione  - spiega il Pontefice - del coinvolgimento personale, nel saper prendervi cura delle vite che vi sono consegnate come scrigni che racchiudono un tesoro prezioso da custodire. E la gratuità di un servizio e ministero nella Chiesa che richiede grande rispetto per coloro di cui vi fate compagni di cammino”.

“Per essere credibili - spiega il Papa ai presenti -  ed entrare in sintonia con i giovani, occorre privilegiare la via dell’ascolto, il saper perdere tempo nell’accogliere le loro domande e i loro desideri”.

Per Francesco ciò che conta nell’attenzione vocazionale è “l’attenzione privilegiata alla vigilanza e al discernimento. È “avere uno sguardo capace di scorgere la positività negli eventi umani e spirituali che incontriamo”. 

“C’è l’urgenza - raccomanda il Pontefice - di riportare dentro alle comunità cristiane una nuova “cultura vocazionale”. Non stancatevi di ripetere a voi stessi: “io sono una missione” e non semplicemente “io ho una missione”. Essere missione permanente richiede coraggio, audacia, fantasia e voglia di andare oltre, di andare più in là”.

Conclude Francesco: “Sentiamoci sospinti dallo Spirito Santo a individuare con coraggio strade nuove nell’annuncio del vangelo della vocazione; per essere uomini e donne che, come sentinelle, sanno cogliere le striature di luce di un’alba nuova, in una rinnovata esperienza di fede e di passione per la Chiesa e per il Regno di Dio”.

Ti potrebbe interessare