Papa Francesco ai giovani, voi avete il fiuto per la verità, non fatevi scoraggiare

L'incontro del Papa con il pellegrinaggio degli adolescenti

Papa Francesco con gli adolescenti a Piazza San Pietro
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il Vangelo è quello della pesca miracolosa, i ragazzi sono quelli delle GMG che dopo due anni, anche se la pandemia non è affatto finita e la fascia degli adolescenti continua ad essere la più colpita dal covid, hanno deciso di tornare tutti insieme a pregare insieme a Papa Francesco che dice loro: voi avete il fiuto per trovare la verità, vi auguro il fiuto di Giovanni e il coraggio di Pietro. 

E li affida a Maria “che aveva la vostra età” ripete il Papa. E la piazza “ che ha sofferto il digiuno” oggi è invece piena di voi giovani.

Parla della guerra il Papa che vive l’ Europa, e le “tante ingiustizie e violenze che distruggono l’uomo e il pianeta” e che calpestano i sogni dei giovani.

Il Papa parla della solitudine e della paura che va detta: le paure vanno dette per poterle cacciare via. Vanno messe alla luce e così scoppia la verità spiega Papa Francesco.

Le crisi vanno illuminate per vincere, dice e aggiunge: voi avete quello che i grandi hanno perduto.  “Voi avete il fiuto della realtà, per trovare il Signore”. E il fiuto deve portare alla generosità.  Si deve aver paura della morte dell’anima e della chiusura del cuore, la vita serve per condividerla con gli altri. 

E conclude, invitando i giovani illuminare la paure lo scoraggiamento vincerlo con qualcuno che mi da la mano e non perdere il fiuto della vita. 

Infine l’ affidamento a Maria che “aveva quasi la vostra età quando ha ricevuto l’annuncio dell’ Angelo”: che Lei vi insegni a dire Eccomi!. 

L’incontro è una tappa del pellegrinaggio degli adolescenti organizzato dalla Pastorale giovanile della CEI nell’ambito del progetto Seme di vento  che tenta di raggiungere gli adolescenti che sono stati disorientati dai nuovi stili di vita dovuti alla pandemia in corso. 

Nel corso dell’evento ci sono stati canti e testimonianze di giovani, e il cardinale Bassetti ha ripercorso la genesi dell’evento e ha ricordato l’incoraggiamento del Papa, e infine ha detto: “Mi permetto di sognare anche per le Chiese che sono in Italia. Abbiamo tanti difetti, Santo Padre,

e il cammino è lungo e faticoso. Ma il nostro è un popolo buono, che non ha mai del tutto abbandonato le sue radici cristiane. Chissà che questi ragazzi, oggi, ci aiutino davvero a riprendere le fila del Vangelo, dentro questa storia, drammatica e appassionante, nella quale il Signore ci chiede di testimoniare la nostra fede”.

I ragazzi hanno raccontato le loro esperienze come “narrazioni” parola che sostituisce “testimonianze”. Cambia il termine ma la sostanza è la stessa: in piazza oggi si è celebrata quella GMG della Diocesi di Roma che si svolgeva il giovedì prima della Domenica delle Palme con eventi come gli Oratori e i Musical di Marco Frisina.

Ti potrebbe interessare