Papa Francesco ai nunzi: “Avete portato ai popoli e alle Chiese la vicinanza del Papa”

Il Papa incontra 91 nunzi e 6 osservatori permanenti, arrivati da tutto il mondo per un ritiro che cade ogni tre anni.

Papa Francesco e i nunzi apostolici nell'incontro dell'8 settembre 2022
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Avete portato ai popoli e alle Chiese la vicinanza del Papa; siete stati punti di riferimento nei momenti di maggiore smarrimento e turbolenza”. Papa Francesco si rivolge così ai nunzi apostolici e gli osservatori della Santa Sede, ambasciatori del Papa tra i popoli e nelle organizzazioni internazionali, che si riuniscono a Roma per un appuntamento di formazione, informazione e conoscenza che ha cadenza triennale.

Quello che Papa Francesco vuole è un botta e risposta franco, e perciò l’incontro avviene a porte chiuse, fuori da ogni ufficialità. Il discorso del Papa diffuso è solo l’introduzione all’incontro, un breve ricapitolo di quello che è successo, uno sguardo al futuro, una commemorazione dei nunzi che hanno lasciato nel corso degli ultimi due anni, come l’arcivescovo Aldo Giordano e l’arcivescovo Joseph Chennoth.

“Sono passati tre anni dal nostro scorso incontro”, esordisce il Papa. E in tre anni c’è stata una pandemia che ha limitato “la vita quotidiana e le attività pastorali”, e poi una “guerra di speciale gravità” che sconvolge “l’Europa e il mondo intero”, sia per “la violazione del diritto internazionale, sia per i rischi di escalation nucleare, sia per le pesanti conseguenze economiche e sociali”.

Papa Francesco ribadisce che si tratta di una “terza guerra mondiale a pezzi”, di cui i nunzi sono testimoni e che il Papa ringrazia per “quanto stanno facendo in queste situazioni di sofferenza”.

Il Papa sottolinea poi le sfide dell’oggi della Chiesa: Il cammino sinodale, il Giubileo 2025, la nuova costituzione apostolica, che “è nata attraverso un processo di quasi nove anni”, e che “richiederà del tempo anche per entrare, per così dire, a pieno regime”.

Ieri sera, i nunzi hanno avuto una cena nei Musei Vaticani con gli ambasciatori accreditati presso la Santa Sede. Era la fine di una giornata dedicata alle riunioni con i superiori della Segreteria di Stato ed alcuni responsabili della Curia Romana.

Dopo l’incontro con il Papa, i nunzi hanno in programma vari altri incontro, mentre venerdì si divideranno in lavori di gruppo divisi per continente. Sabato rivedranno il Papa, per una celebrazione a Santa Marta alle 7.30, mentre alle 12 si concluderà l’incontro con una meditazione del nunzio Angelo Acerbi.

Partecipano all’incontro 91 nunzi apostolici e 6 rappresentanti pontifici senza qualifica episcopale – mancano cinque nunzi, per motivi di salute o altri impedimenti.

Le rappresentanze pontificie contano anche 167 collaboratori in ruolo diplomatico che

lavorano presso le Nunziature o in Segreteria di Stato, mentre 4 alunni della Pontificia Accademia Ecclesiastica sono ora coinvolti nell’anno missionario all’estero prima di entrare in servizio diplomatico, come da riforma di Papa Francesco.

Ti potrebbe interessare