Papa Francesco, camminare verso Dio non separati e anestetizzati

Il messaggio del Papa per la celebrazione ecumenica di Pentecoste di Thy Kingdom Come

Thy Kingdom Come
Foto: Thy Kingdom Come
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“A Pentecoste Dio ha contagiato di vita il mondo. Quanto stride tutto ciò con il contagio di morte che da mesi infesta la Terra! Allora, mai come oggi è necessario invocare lo Spirito Santo, perché riversi la vita di Dio, l’amore, nei nostri cuori. Infatti, perché il futuro sia migliore, è il nostro cuore che deve diventare migliore”.

Così Papa Francesco dice nel suo video messaggio che viene trasmesso come parte del servizio liturgico di Pentecoste di Justin Welby, Arcivescovo di Canterbury, ai partecipanti all’evento del Movimento di preghiera globale Thy Kingdom Come in occasione della Solennità della Pentecoste.

E’ un’occasione per i cristiani di unirsi in preghiera per l’evangelizzazione del mondo. La partecipazione del Papa dimostra il suo sostegno al movimento Thy Kingdom Come che l’Arcivescovo ha voluto come un appello all’unità, nell’ascolto della preghiera di Gesù “affinché tutti siano una sola cosa ... perché il mondo creda” (Gv 17, 21)

“Nel giorno di Pentecoste- dice il Papa-  popoli che parlavano lingue diverse si incontrarono. In questi mesi, invece, ci è chiesto di osservare misure giuste e necessarie per distanziarci. Ma possiamo comprendere meglio, dentro di noi, quello che provano gli altri. Ci accomunano paura e incertezze. C’è bisogno di risollevare tanti cuori affranti”.

I cristiani devono diffondere la consolazione che da lo Spirito Santo, quella certezza di non essere soli. “Come fare? Pensiamo a quello che ora vorremmo avere: conforto, incoraggiamento, qualcuno che si prenda cura di noi, qualcuno che preghi per noi, che pianga con noi, che ci aiuti ad affrontare i nostri problemi. Ecco, tutto quanto vorremmo che gli altri facciano a noi, facciamolo noi a loro (cfr Mt 7,12). Desideriamo essere ascoltati? Ascoltiamo. Abbiamo bisogno di incoraggiamento? Incoraggiamo. Vogliamo che qualcuno si prenda cura di noi? Prendiamoci cura di chi non ha nessuno. Ci serve speranza per il domani? Doniamo speranza oggi. Oggi assistiamo a una tragica carestia della speranza. Quante ferite, quanti vuoti non colmati, quanto dolore senza consolazione!”.

Il Papa chiede una unione tra i cristiani per essere testimoni di misericordia “per l’umanità duramente provata”.

Serve preghiera reciproca e chiedere allo Spirito Santo di scendere “su quanti sono tenuti a prendere decisioni delicate e urgenti, perché proteggano la vita umana e la dignità del lavoro. Su questo si investa: sulla salute, sul lavoro, sull’eliminazione delle disuguaglianze e delle povertà. Mai come ora ci serve uno sguardo ricco di umanità: non si può riprendere da capo a inseguire i propri successi senza preoccuparsi di chi è rimasto indietro”.

Occorre cambiare rotta, occorre “tornare a camminare verso Dio e verso il prossimo: non separati, non anestetizzati di fronte al grido dei dimenticati e del pianeta ferito. Abbiamo bisogno di essere uniti per fronteggiare le pandemie che dilagano: quella del virus, ma anche la fame, le guerre, il disprezzo della vita, l’indifferenza. Solo camminando insieme andremo lontani. Cari fratelli e sorelle, voi diffondete l’annuncio di vita del Vangelo e siete un segno di speranza”.

Ti potrebbe interessare