Papa Francesco, gli scritti di Charles de Foucauld mi hanno aiutato in tempo di crisi

L'udienza del Papa Associazione Famiglia Spirituale Charles de Foucauld a Roma per la Canonizzazione

Messa di ringraziamento per la canonizzazione di Charles de Foucauld
Foto: Daniel Ibanez/ EWTN
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Quant’è contento il Signore di vedere che lo si imita nella via della piccolezza, dell’umiltà, della condivisione con i poveri!" Papa Francesco lo ha detto ai membri dell’Associazione Famiglia Spirituale Charles de Foucauld a Roma per la Canonizzazione, avvenuta domenica scorsa, di Fratel Carlo ricevuti prima della Udienza Generale. 

"Auguro anche a voi, come Fratel Carlo, di continuare a immaginare Gesù che cammina in mezzo alla gente, che porta avanti con pazienza un lavoro faticoso, che vive nella quotidianità di una famiglia e di una città" ha detto il Papa, ed aha aggiunto: "Come Chiesa abbiamo bisogno di tornare all’essenziale, di non smarrirci in tante cose secondarie, con il rischio di perdere di vista la purezza semplice del Vangelo. E poi l’universalità. Il nuovo Santo ha vissuto il suo essere cristiano come fratello di tutti, a partire dai più piccoli. Non aveva l’obiettivo di convertire gli altri, ma di vivere l’amore gratuito di Dio, attuando “l’apostolato della bontà”". Infine Papa Francesco ha detto: "vorrei ringraziare San Charles de Foucauld, perché la sua spiritualità mi ha fatto tanto bene quando studiavo la teologia, un tempo di maturazione e anche di crisi. Mi è arrivata tramite padre Paoli e tramite i libri di Voillaume, che io leggevo continuamente. Mi ha aiutato tanto a superare le crisi e a trovare una strada di vita cristiana più semplice, meno pelagiana, più vicina al Signore. Ringrazio il Santo e do testimonianza di questo, perché mi ha fatto tanto bene. Buona missione!"

Ti potrebbe interessare