Papa Francesco: “Il dialogo interreligioso deve essere aperto e rispettoso”

Papa Francesco con Mons. Kim Hee-jong
Foto: L'Osservatore Romano, ACI group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Il dialogo interreligioso, fatto di contatti, incontri e collaborazione, è così un compito prezioso e gradito a Dio, una sfida protesa al bene comune e alla pace”. Papa Francesco accoglie cosi i partecipanti del “Korean Council of Religious Leaders” giunti a Roma in Udienza al Palazzo Apostolico per un pellegrinaggio interreligioso.

Per Francesco “il dialogo di cui abbiamo bisogno non può che essere aperto e rispettoso al tempo stesso; solo così sarà fruttuoso”.

“Aperto, cioè cordiale e sincero – spiega il Pontefice - portato avanti da persone che accettano di camminare insieme con stima e franchezza. Rispettoso, perché il rispetto reciproco è la condizione e, allo stesso tempo, il fine del dialogo interreligioso: infatti è rispettando il diritto alla vita, all’integrità fisica e alle libertà fondamentali, come quella di coscienza, di religione, di pensiero e di espressione, che si pongono le basi per costruire la pace, per la quale ciascuno di noi è chiamato a pregare e agire”.

Per il Papa gli impegni condivisi sono su vari temi: la sacra dignità della persona, la fame e la povertà, il rifiuto della violenza, in particolare quella commessa profanando il nome di Dio e dissacrando la religiosità umana, la corruzione che alimenta ingiustizie, il degrado morale, la crisi della famiglia, dell’economia, dell’ecologica e, non ultima, della speranza.

Conclude Francesco il suo discorso: “In questo senso ai Leader religiosi è chiesto di aprire, favorire e accompagnare processi di bene e di riconciliazione per tutti: siamo chiamati a essere banditori di pace, annunciando e incarnando uno stile nonviolento, uno stile di pace, con parole che si differenziano dalla narrativa della paura e con gesti che si oppongono alla retorica dell’odio.”

Nel corso della mattina Papa Francesco ha ricevuto in Udienza anche Daniele Mancini, Ambasciatore d'Italia presso la Santa Sede, con la consorte, in visita di congedo. 

Ti potrebbe interessare