Papa Francesco, il peccato sociale della esclusione si combatte con la solidarietà

La Virgen de la Cinta con il Vescovo di Tortosa
Foto: FB Confraternita Madonna della Cinta
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Siete presenti in diverse realtà ecclesiali nella vostra diocesi, collaborando in tal modo per la Chiesa che è prima di tutto casa, famiglia, luogo di accoglienza e di amore, dove tutti, specialmente i poveri e gli emarginati, possono sentirsi parte e non vedersi mai esclusi o rifiutati”.

Così Papa Francesco ha salutato i Membri della “Archicofradia de la Virgen de la Cinta” di Tortosa, in Spagna, in occasione del IV centenario della fondazione.

La confraternita è molto attiva soprattuto nella cura dei bambini più poveri e nella raccolta fondo tramite varie iniziative.

Il nome è legato alla cattedrale della città dove di venera fin dal medioevo una reliquia che sarebbe una cintura di Maria.

Di fatto fin dal ‘600 quando è nata la Confraternita l’impegno è quello del servizio ai poveri.

“Vivendo in questo modo la fraternità diventa una missione- ha detto il Papa - che sfida e non lascia indifferenti, perché l'amore reciproco che esce e va  verso gli altri è la nostra lettera di presentazione”.

Un saluto all'arcivescovo Enrique Benavent, vescovo di Tortosa, e la signora Meritxell Roigé, sindaco della città, da parte del Papa che ha ricordato che  la confraternita è stata sin dal suo inizio legata al successore di Pietro. Pochi mesi dopo la costituzione della confraternita, approvato dal vescovo di quella città, Luis de Tena, è stata approvata da Papa Paolo V: “E ora, con questo pellegrinaggio alla tomba di Pietro, che desiderano rinnovare il vincolo di comunione” .

Un gesto di adesione che non è solo del passato: “Vi chiamate fratelli, fratelli e in questo modo rivelate la realtà fondamentale della nostra vita, che siamo tutti figli di Dio. Etimologicamente, fratellanza significa "unione di fratelli". Ma non è sufficiente dire che siamo fratelli, ma dobbiamo sempre ricordare quell'unità "fondativa" che ci segna come tale. I fratelli - sappiamo - discutono spesso, combattono su così tante cose, ma anche quando ciò accade, sanno come mantenere viva quella ricerca di un bene che non può escludere la pace e l'armonia tra loro.

Il vincolo di carità che unisce come fratelli con il loro vescovo e, attraverso di lui, con il Papa, è un regalo importante che arricchisce, ma comporta anche una missione: essere fermento di solidarietà nella società”. E aggiunge che la esculsione è un peccato sociale che c'è sempre stato nel mondo. 

Papa Francesco indica Maria come esempio per “portare questa fraternità in ogni angolo della nostra società”.

E aggiunge “Vivere in questo modo, come fratelli uniti, suppone impegno e rassegnazione, ma ne vale la pena, perché è un segno davanti alla società così divisa”.

Nel saluto il presidente ha raccontato la tradizione del dono della cinta da parte di Maria apparsa al vescovo che aveva costruito la cattedrale di Tortosa nell’ XI secolo e la lasciva come simbolo del legame con Lei.

Ti potrebbe interessare