Papa Francesco: in Quaresima preghiamo per avere la "grazia della memoria"

Papa Francesco
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Quando il cuore si volge indietro, quando prende una strada che non è quella giusta”.

Papa Francesco ha commentato così nella messa del mattino a Santa Marta le lettura di questa mattina. Un cuore che si volge indietro è senza bussola “è un pericolo pubblico: è un pericolo per la persona e per gli altri. E un cuore prende questa strada sbagliata quando non ascolta, quando si lascia trascinare, portare dagli dei, quando diventa idolatra”.

Il rischio è di essere “sordi dell’ anima” dice il Papa : “Anche noi in qualche momento diventiamo sordi nell’anima, non ascoltiamo il Signore”. Come riporta www.vaticannews.va  il Papa chiede la grazia della memoria e di non cadere nell’amnesia.

Ecco a cosa serve la Quaresima, a non perdere la memoria perché quando si perde “la memoria delle grandi cose che il Signore ha fatto nella nostra vita, che ha fatto nella sua Chiesa, nel suo popolo, e ci abituiamo ad andare noi, con le nostre forze”, con la nostra autosufficienza.

Non bisogna nemmeno perdere la “grazia del cammino”: “Il benessere, anche il benessere spirituale ha questo pericolo: il pericolo di cadere in una certa amnesia, una mancanza di memoria: sto bene così e mi dimentico di quello che ha fatto il Signore nella mia vita, di tutte le grazie che ci ha dato e credo che è merito mio e vado avanti così.” Ma certo “Perdere la memoria è molto comune”, è successo al popolo di Israele che ha perso la memoria nel deserto fuggendo dall’ Egitto.

E conclude che  si deve “ricordare per andare avanti; non perdere la storia: la storia della salvezza, la storia della mia vita, la storia di Gesù con me”. E non fermarsi, non tornare indietro, non lasciarci trascinare dagli idoli. L’idolatria infatti “non è soltanto andare in un tempio pagano e adorare una statua”.

Memoria quindi ripetendo per la Quaresima il consiglio di Paolo a Timoteo, il suo amato discepolo: “Ricordati di Gesù Cristo risorto dai morti”. Ripeto: “Ricordati di Gesù Cristo risorto”, ricordati di Gesù, Gesù che mi ha accompagnato fino ad adesso e che mi accompagnerà fino al momento nel quale devo comparire davanti a Lui glorioso. Il Signore ci dia questa grazia di custodire la memoria.”

Ti potrebbe interessare