Papa Francesco in Slovacchia, l’ambasciatore Lisanski: “Qui la fede è sopravvissuta”

Marek Lisanski, ambasciatore di Slovacchia presso la Santa Sede, delinea con ACI Stampa le sfide del prossimo viaggio papale nella sua terra

L'ambasciatore Marek Lisanski, che rappresenta la Slovacchia presso la Santa Sede dal 2018
Foto: Ambasciata di Slovacchia presso la Santa Sede
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

È una terra dove la fede cattolica è sopravvissuta, nonostante la persecuzione che ha subito durante il periodo comunista. Di più: il cattolicesimo è parte dell’eredità spirituale della Slovacchia, terra per tre volte visitata da Giovanni Paolo II e ora da Papa Francesco, appena un quarto di secolo dopo l’ultima visita. L’ambasciatore di Slovaccchia presso la Santa Sede Marek Lisanski si sofferma con ACI Stampa sul significato del viaggio papale

La decisione di papa Francesco di visitare la Slovacchia è stata sorprendente e ha sorpreso molti. Perché secondo lei il Papa ha scelto la Slovacchia come meta del suo prossimo viaggio internazionale?

L'annunciata visita apostolica del Santo Padre Papa Francesco è sicuramente un momento storico per la Slovacchia. Forse la decisione del Santo Padre di visitare la Slovacchia è stata sorprendente, ma d'altra parte mostra il suo continuo sostegno e la sua grande attenzione al dialogo culturale e spirituale.

Quali sono le carateristiche della Slovacchia?

La Slovacchia rappresenta patrimonio specifico di convivenza e storia comune di diverse nazionalità che vivono nell'Europa centrale. È un esempio del dialogo tra 13 minoranze nazionali che vivono insieme pacificamente nella nostra contea: slovacchi, ungheresi, cechi, ucraini, ruteni, minoranza rom, comunità ebraica, La Slovacchia rappresenta anche una lunga tradizione cristiana. Il legame spirituale della nazione slovacca con la Santa Sede ha quasi 12 secoli, risalendo al periodo della Grande Moravia e della missione dei Santi Cirillo e Metodio nell'863. Ma la Slovacchia rappresenta anche una grande varietà della vita spirituale, oltre il 60% dei nostri cittadini sono cattolici romani, ma abbiamo anche una grande chiesa greco-cattolica, patriarcato ortodosso, chiesa luterana e calvinista e anche comunità ebraica vivente.

Quale è lo sato dei rapport bilaterali?

Il nostro rapporto bilaterale con la Santa Sede negli ultimi anni è molto attivo e dinamico. Abbiamo avuto l'opportunità di organizzare 4 visite di stato ufficiali e udienze con il Santo Padre negli ultimi 3 anni, inclusa l'ultima a dicembre, quando la signora Presidente della Repubblica Slovacca Zuzana Čaputova ha visitato il Santo Padre nonostante una situazione di pandemia globale molto complicata. Negli ultimi tre anni abbiamo organizzato quattro pellegrinaggi nazionali a Roma (due dei quali organizzati dalla chiesa greco-cattolica). Lo scorso anno, la Slovacchia ha festeggiato il 30esimo anniversario della prima visita di Giovanni Paolo II in Slovacchia e il 25esimo della sua seconda visita, che è stato il suo primo viaggio apostolico in Slovacchia dopo la nostra indipendenza.

Quanto è significativo il viaggio di Papa Francesco per la Slovacchia?

Per ogni Paese la visita apostolica del Santo Padre è momento storico, onore e privilegio, e - in certo modo - anche benedizione. Ma è anche una grande responsabilità e ne siamo consapevoli. Questo viaggio è solo un secondo viaggio apostolico del Santo Padre durante (o dopo) la crisi mondiale della pandemia. Quindi l'importanza di questa visita apostolica è eccezionale. Spero che quell'incontro con i giovani a Košice sia un'ispirazione unica per un'intera generazione di giovani slovacchi, come lo è stato con San Giovanni Paolo II 30 e 25 anni fa per la mia generazione. Anche la storica santa messa ecumenica in stile eucaristico bizantino orientale a Prešov sarà un momento eccezionale per tutti noi.

 Quali sono i principali temi di discussione tra la Santa Sede e la Slovacchia?

Come ho accennato all'inizio, il dialogo tra la Slovacchia e la Santa Sede in questi ultimi anni è stato molto attivo e fruttuoso, ma penso che questa visita apostolica abbia anche un senso più ampio che sarà presentato anche nei messaggi del Santo Padre. L'umanità sta affrontando un momento molto complicato, tempo di pandemia globale, tempo di grande crisi sociale, di sicurezza e ambientale. Quando osserviamo le dichiarazioni di Papa Francesco, il messaggio fondamentale del suo Pontificato è la necessità della Solidarietà Globale e della Fraternità così come è stata presentata nell'ultima enciclica Fratelli Tutti, ma anche nella Dichiarazione della fraternità umana di Abu Dhabi.

Cosa si aspetta dal discorso di Papa Francesco ai diplomatici e alla società civile?

Il concetto di "fratellanza universale" e di solidarietà dell'umanità come unica via di salvezza per un mondo malato. Questa è la tesi essenziale di Papa Francesco, "nessuno si salva da solo". Papa Francesco inviterà ancora una volta la comunità internazionale ad aiutare la popolazione sofferente. Questa è la mia riflessione, e penso che questi messaggi saranno presentati anche durante questo viaggio apostolico in Slovacchia.

Durane il viaggio, il Papa non visiterà solo la capitale Bratislava, ma anche Sastin, Kosice e Presov. In che modo questi quattro luoghi rappresentano l'identità e il patrimonio slovacco?

Tutti questi luoghi sono molto simbolici. Bratislava come simbolo della Slovacchia, nostra capitale e simbolo della nostra indipendenza, ma anche un esempio unico del patrimonio e della storia dell'Europa centrale con radici romane, cristiane ed ebraiche. 2000 anni fa un fiume Danubio era il confine (confine) dell'Impero Romano con il castello romano sul luogo di Bratislava Caste. 12 secoli fa vi fu fondata la prima basilica della Grande Moravia e nel XX secolo Bratislava fu testimone delle tragedie del regime nazista e comunista.

Košice, come un esempio unico di dialogo culturale tra tutte le 13 minoranze nazionali che vivono lì pacificamente da secoli. Capitale europea della cultura nel 2013 con l'imponente cattedrale gotico latino, che è la cattedrale orientale più lontana del mondo e crocevia spirituale tra cristianesimo orientale e occidentale.

Prešov come simbolo dell'atmosfera ecumenica e del dialogo delle diverse comunità cristiane. Sede della Metropolia greco-cattolica ma anche sede del Patriarcato ortodosso. Città con un fortissimo patrimonio di chiesa luterana e comunità ebraica.

E Šaštín con il Santuario Nazionale della Vergine Maria dei Sette Dolori, patrono della Slovacchia. Simbolo della nostra vita spirituale, tradizione cristiana e speciale devozione spirituale alla Madre di nostro Signore da secoli. Il Santo Padre è in visita a questo Santuario proprio in occasione della Festa della Vergine Maria dei Sette Dolori (15 settembre), momento molto simbolico di culmine del suo cammino apostolico.

Durante l'era comunista, i cristiani erano molto perseguitati in Slovacchia – pensate alle “notti barbariche” o allo pseudo-sinodo di Presov che spazzò via la Chiesa greco-cattolica. Come potrebbe risorgere il cristianesimo dopo ciò?

Sì, la storia della Chiesa cattolica in Slovacchia è anche la storia della persecuzione durante il sistema comunista. Per più di 40 anni la Chiesa è stata uno dei nemici “più pericolosi” del regime comunista e oggetto di persecuzioni e violenze. Vescovi, sacerdoti, monaci e monache sono stati arrestati, condannati al carcere o perseguitati dalla polizia segreta. Ma martiri come i beati vescovi greco-cattolici Pavol Peter Gojdič e Michal Buzalka, il beato Titus Zeman o la sorella Zdenka Šelingova sono veri testimoni della fede del XX secolo. Hanno dimostrato e testimoniano che la violenza non può vincere oltre la Verità. Durante quell periodo di non libertà, ebbe un ruolo importante anche la Chiesa Sotterranea guidata dal vescovo e poi cardinale Ján Chryszostom Korec.

Lei ha più volte mezionato Giovanni Paolo II. Si è sentito il suo sostegno?

Già da quando era vescovo di Cracovia, a soli 70 chilometri dai confine cecoslovacchi, San Giovanni Paolo II era molto ben informato sulla situazione della Chiesa cattolica in Cecoslovacchia e sul suo ruolo cruciale nel processo di distruzione della cortina di ferro in Europa è essenziale. Ma va ricordata anche l'eccezionale missione del Pontificio Collegio Slovacco e dell'Istituto San Cirillo e Metodio fondato a Roma nel 1963 come fondamentale istituzione cattolica slovacca all'estero e il ruolo di uno dei co-fondatori dell'Istituto Slovacco, il cardinale Jozef Tomko, oggi prefetto emerito della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli. Grazie a tutto questo impegno, la Chiesa cattolica in Slovacchia poté sopravvivere. La fede era, in fondo, una parte essenziale della nostra eredità nazionale e spirituale.

Qual è il messaggio che la Slovacchia vuole lanciare dopo la visita di Papa Francesco?

Il messaggio di questa visita storica dovrebbe essere quello di prestare maggiore attenzione gli uni agli altri, specialmente alle persone bisognose. Papa Francesco sta arrivando per unirsi a noi e per ispirarci! Portare ispirazione alle giovani generazioni, unire una società segnata da più di un anno di crisi pandemica che ha portato la paura in tutti gli ambiti della vita, incoraggiare la società che più che mai ha bisogno di sostegno spirituale e unità. Il Santo Padre viene per incoraggiarci a poter decidere sempre per il Bene e non solo per un singolo particolare interesse individuale, per promuovere la solidarietà, l'umanità e il rispetto reciproco.

Ti potrebbe interessare