Papa Francesco: "La santità permea e accompagna sempre la vita della Chiesa"

Udienza ai membri della Congregazione per le Cause dei Santi

Papa Francesco
Foto: Daniel Ibanez CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La Congregazione delle Cause dei Santi compie quest’anno mezzo secolo di vita. In questo mezzo secolo di attività, la vostra Congregazione ha vagliato un gran numero di profili biografici e spirituali di uomini e di donne, per presentarli quali modelli e guide di vita cristiana. Le moltissime beatificazioni e canonizzazioni, che si sono celebrate in questi ultimi decenni, stanno a significare che i Santi non sono degli esseri umani irraggiungibili, ma sono vicini a noi e ci possono sostenere nel cammino della vita”. Lo ha ribadito Papa Francesco nel corso dell'udienza ai membri della Congregazione delle Cause dei Santi.

“La testimonianza dei Beati e dei Santi – ha aggiunto il Papa – ci illumina, ci attrae e ci mette anche in discussione, perché è parola di Dio incarnata nella storia e vicina a noi. La santità permea e accompagna sempre la vita della Chiesa pellegrina nel tempo, spesso in modo nascosto e quasi impercettibile”.

La santità – ha ribadito Francesco – è la vera luce della Chiesa: come tale, essa va messa sul candelabro perché possa illuminare e guidare il cammino verso Dio di tutto il popolo redento. Il lavoro della Congregazione consente di sgombrare il campo da ogni ambiguità e dubbio, conseguendo una piena certezza nella proclamazione della santità. Non posso quindi che esortare ognuno di voi a proseguire sulla strada tracciata e percorsa per circa quattro secoli dalla Congregazione dei Sacri Riti, e continuata negli ultimi cinquant’anni dalla Congregazione delle Cause dei Santi”.

“Si tratta – ha concluso il Papa – di tenere sempre presenti le finalità specifiche delle Cause, che sono la gloria di Dio e il bene spirituale della Chiesa, e sono strettamente legate alla ricerca della verità e della perfezione evangelica”.

 

Ti potrebbe interessare