Papa Francesco: “Ogni ingiustizia sul lavoro calpesta la dignità umana”

Messa quotidiana a Santa Marta per il pontefice. La preghiera per i lavoratori

Papa Francesco durante una Messa a Santa Marta
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nella festa di San Giuseppe Lavoratore e Giornata dei Lavoratori, Papa Francesco sottolinea con forza: “ogni ingiustizia che si fa su una persona che lavora è calpestare la dignità umana, anche la dignità di chi fa la ingiustizia. Si abbassa il livello, si finisce in quella tensione tra dittatore e schiavo”.

Papa Francesco dedica la sua Messa quotidiana a tutti i lavoratori, “perché – sottolinea – a nessuna persona manchi il lavoro, perché tutti siano giustamente pagati, perché possano godere della dignità del lavoro e della bellezza del riposo”.

Le letture del giorno sono quelle della festa facoltativa di San Giuseppe, di cui tra l’altro quest’anno si celebrano i 150 anni dalla proclamazione a patrono della Chiesa. Papa Francesco parte dalla prima lettura, che è il passaggio della Genesi in cui si parla della creazione. “La parola lavoro - spiega Papa Francesco - è quella che usa la Bibbia per descrivere questa attività di Dio. Portò a compimento il lavoro che aveva fatto, e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro e consegna questa attività all’uomo, che deve lavorare per ‘creare con lui’ questo mondo”.

Per questo, continua Papa Francesco, nel lavoro “l’uomo è un creatore”, e quindi il lavoro “ha dentro di sé una bontà, crea l’armonia delle cose, e coinvolge l’uomo tutto, nel suo pensiero, nel suo sentire, nel suo agire”.

Papa Francesco sottolinea che il lavoro è la “vocazione prima dell’uomo” e questo dà all’uomo “dignità”, e lo rende simile a Dio.

Ma la dignità del lavoro è “tanto calpestata”, dice Papa Francesco. Ricorda le navi di schiavi che andavano alle Americhe, ma sottolinea che c’è una schiavitù anche oggi, “uomini e donne costretti a lavorare per sopravvivere. I lavori forzati! Ingiusti, mal pagati e che portano l’uomo a vivere con la dignità calpestata”.

Non sono eventi che accadono lontano, dice Papa Francesco, perché anche vicino a noi ci sono i lavori mal pagati, senza sicurezza, senza pensione. Questa è “la non dignità di oggi”, e per questo “ogni ingiustizia che si fa su una persona che lavora è calpestare la dignità umana”.

Sottolinea Papa Francesco: “Si può lavorare quando le condizioni sono giuste e si rispetta la dignità della persona”.

Nella Giornata dei Lavoratori, celebrata da “credenti e non credenti”, il Papa invita dunque ad unirsi a coloro “che lottano per aver giustizia nel lavoro e agli imprenditori bravi che portano avanti il lavoro con giustizia, anche se loro perdono”. E prega San Giuseppe che “ci aiuti a lottare per la dignità del lavoro”.

Ti potrebbe interessare