Papa Francesco, preghiamo pensando alla tragedia umanitaria della martoriata Ucraina

Alla preghiera dell' Angelus il Papa ringrazia i maltesi e li invita a "spendersi nell'amore"

Papa Francesco a Malta
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“ Il Signore vi accompagni e la Madonna vi custodisca. La preghiamo ora per la pace, pensando alla tragedia umanitaria della martoriata Ucraina, ancora sotto i bombardamenti di questa guerra sacrilega Non stanchiamoci di pregare e di aiutare chi soffre. La pace sia con voi!”. 

Il Papa saluta così la gente di Malta al termine della Messa prima della recita dell’ Angelus. “In queste isole - dice il Papa- si respira il senso del Popolo di Dio. Andate avanti così, ricordando che la fede cresce nella gioia e si rafforza nel dono. Proseguite la catena di santità che ha portato tanti maltesi a donarsi con entusiasmo a Dio e agli altri. Penso a Dun Ġorġ Preca, canonizzato quindici anni fa. E vorrei infine rivolgere una parola ai giovani, che sono il vostro avvenire. Cari amici, condivido con voi la cosa più bella della vita. Sapete qual è? È la gioia di spendersi nell’amore, che ci fa liberi. Ma questa gioia ha un nome: Gesù. Vi auguro la bellezza di innamorarvi di Gesù, Dio della misericordia, che crede in voi, sogna con voi, ama le vostre vite e non vi deluderà mai”. E aggiunge: non dimenticavi delle radici e parlate con gli anziani. 

Papa Francesco ringrazia anche per la presenza dei rappresentanti delle altre religioni. 

Al termine della Santa Messa, l’Arcivescovo Metropolita di Malta, S.E. Mons. Charles J. Scicluna aveva ringraziato il Papa ricordando la presenza dell’Apostolo Paolo, “che Publio, il protos dell’isola e i Maltesi accolsero insieme alle duecento settantacinque persone naufragate, “con rara umanità”. Padre Santo, l’odierna Visita e la Sua Benedizione, suscitino anche nel nostro cuore quella fiamma di carita` e quella “rara umanità” che sono frutto dello Spirito del Signore.

Lo sguardo pieno di tenerezza della Madonna Damascena penetri le nostre anime e accompagni la Sua missione universale.

Santo Padre, ci permetta di salutarLa con le parole profonde di San Giorgio Preca, gloria del nostro clero e dei nostri catechisti:

Salve Papa noster

Salve Petra Fidei

Salve Coeli Janitor

Et Dominus sit tecum”. 

L’Arcidiocesi di Malta e la Diocesi di Gozo hanno come vescovi Charles Jude Scicluna, Arcivescovo di Malta, e Mons. Anton Teuma, Vescovo di Gozo, vice presidente. Il segretario generale è Padre Jimmy Bonnici. 

Ti potrebbe interessare