Il Papa termina il suo “viaggio ecumenico importante” in Svezia

Papa Francesco lascia la Svezia
Foto: CTV
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Svezia, Aeroporto Internazionale di Malmö. Per Papa Francesco il “viaggio ecumenico importante” nelle terre di Lutero termina qui.

Il Papa all’aeroporto è accolto dalla Ministra della Cultura e della Democrazia, Alice Bahuhnke e, prima di salire a bordo, si svolge per lui una piccola cerimonia di congedo dalla Svezia.

Il tempo è grigio, molto ventoso, freddissimo. Si tirano le somme di un viaggio molto difficile. "Come cattolici facciamo parte di una grande famiglia, sostenuta dalla medesima comunione", sono le ultime parole del Papa nell'Angelus allo stadio di Malmoe, prima della partenza. Si coglie un clima disteso e di partecipazione.

Subito dopo la partenza in aereo da Malmö, il Papa ha fatto pervenire al Re di Svezia, Carl XVI Gustaf, un messaggio telegrafico:"Desidero esprimere la mia profonda gratitudine per la vostra accoglienza calda e ospitale". E invoca la benedizione di Dio su tutta la nazione.

Papa Francesco è partito alle ore 13 circa ed è arrivato nella capitale alle ore 15e10. In aereo Francesco ha tenuto la consueta conferenza stampa con i giornalisti.

Nel corso del viaggio aereo da Malmö verso Roma, sorvolando la Germania e l’Austria e rientrando infine in Italia, ha inviato anche alcuni telegrammi ai rispettivi Capi di Stato. Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oltre il suo "beneaugurante" saluto e una "speciale preghiera per l'Italia",  il Papa racconta brevemente il suo viaggio, "l'opportunità di  incoraggiare il dialogo ecumenico, la perseveranza dei fedeli cattolici e il comune impegno dei cristiani al servizio del Vangelo".

Finisce quindi il 17esimo viaggio apostolico di Papa Francesco e il 154esimo dei viaggi pontifici fuori dall'Italia nell'epoca contemporanea.

 

Ti potrebbe interessare