Raccontando la Città del Vaticano. La stazione, la più bella del mondo per Pio XI

Il Treno dei bambini in Vaticano
Foto: L'Osservatore Romano, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Questa è la più bella stazione del mondo!”, esclamò Papa Pio XI assistendo ai lavori di ultimazione della stazione.  La stazione di Città del Vaticano (detta anche stazione del Vaticano o stazione Vaticana) è la piccola stazione ferroviaria della Città del Vaticano e si trova al termine della ferrovia Vaticana, nelle vicinanze dell'importante stazione di Roma San Pietro, della ferrovia Tirrenica e punto di diramazione per la Roma-Viterbo.

Il Trattato del Laterano, firmato in Roma l’11 febbraio 1929 fra la Santa Sede e il Regno d’Italia, stabiliva all’art. 6 che l’Italia avrebbe dovuto costruire una stazione ferroviaria nell’interno della Città del Vaticano e raccordarla alla rete ferroviaria italiana, allacciandosi alla vicina Stazione di Roma-San Pietro.

Il 12 settembre 1934 la proprietà passò dalle Ferrovie dello Stato italiane al Vaticano, cui venne ufficialmente consegnata il 2 ottobre 1934, alla presenza dei rappresentanti del Ministero dei Lavori pubblici del Regno d'Italia.

La stazione è stata utilizzata in maniera saltuaria e in occasioni speciali: l'11 aprile 1959 partì dalla stazione vaticana la salma di Pio X, che venne temporaneamente portata a Venezia per volere di San Giovanni XXIII.

Papa Giovanni XXIII, il 4 ottobre 1962, per il suo pellegrinaggio a Loreto e ad Assisi fu il primo papa a usare la stazione di Città del Vaticano. Il papa partì per Loreto e ritornò da Assisi col treno presidenziale italiano messo a sua disposizione.

Il piazzale della Stazione del Vaticano, per una lunghezza totale di 370 metri, è servito da due binari comunicanti tra loro, uno dei quali è affiancato al marciapiede frontale, largo 10 metri, parzialmente coperto da pensilina.

Giovanni Paolo II ha fatto uso della Stazione ferroviaria vaticana per la prima volta l’8 novembre del 1979, per un viaggio simbolico con il treno "Arlecchino" delle Ferrovie dello Stato italiane, in occasione della XXI Giornata del Ferroviere, per un incontro con i ferrovieri allo Smistamento Ferrovie dello Stato al Salario (Roma), via Roma-San Pietro, Roma-Trastevere e Roma-Termini.

E  ancora, Papa Wojtyla ha usato la stazione per raggiungere Santa Maria degli Angeli (Assisi) in un "speciale pellegrinaggio" insieme ai Rappresentanti delle varie Religioni per la Giornata di preghiera per la pace nel mondo, il 24 gennaio 2002, con un treno delle Ferrovie dello Stato italiane (via Roma-San Pietro, Roma-Ostiense, Roma-Tuscolana, Roma-Tiburtina, Orte, San Liberato, Nera Montorio, Narni-Amelia, Terni, Baiano di Spoleto, Foligno, Spello). Così, il Papa che ha percorso milioni di chilometri in aereo è salito su una carrozza ferroviaria partendo dalla stazione del suo piccolo stato.

L'11 settembre 2015 la stazione venne ufficialmente aperta al servizio viaggiatori con il treno delle Ville Pontificie, effettuato con materiale storico, e dal 12 settembre 2015, la località è collegata ogni sabato alle stazioni di Castel Gandolfo e Albano Laziale, per permettere al pubblico di raggiungere le residenze papali, in particolare la Galleria dei ritratti dei Pontefici del Palazzo Pontificio. Il servizio è stato attivato pensando al Giubileo straordinario della misericordia.

Il 21 maggio 2016 un treno storico a vapore composto da una Locomotiva FS 625 del 1918 e con sei carrozze del 1928 per raccogliere fondi in occasione del trentennale dell'Onlus CasAmica ha trasportato in 45 minuti 500 pellegrini dalla stazione di Roma Termini a quella del Vaticano; assieme ai pellegrini erano presente l'AD di Trenitalia Barbara Morgante e il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini che hanno incontrato il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, il cardinale Gianfranco Ravasi.

Ultimamente la Stazione Ferroviaria è protagonista dell’iniziativa del Cortile dei Gentili, “Il treno dei bambini”. Per la quinta volta, poche settimana fa, una Freccia con i più piccoli è entrata nella stazione San Pietro con 400 bambini.

Ti potrebbe interessare